Blitz quotidiano
powered by aruba

Spot con pizza e cibo spazzatura: i bambini reagiscono così…

LONDRA – La reazione dei bambini agli spot televisivi sulla pizza e il cibo spazzatura in generale? Fanno venir voglia di leccare lo schermo e li associano al godimento, al divertimento, annuncia il rapporto di un ente benefico inglese.

Ma non solo, gli spot sul cibo spazzatura, stimolano la loro fame e assillano i genitori affinché lo acquistino. Un rapporto del Cancer Research UK, ha rilevato che gli scolari sono influenzati dagli spot televisivi. Secondo lo studio, i ricercatori hanno mostrato due annunci di cibo non sano a 137 bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni in quattro scuole elementari in Inghilterra e due in Scozia.

I risultati fanno pensare che i ragazzini siano fortemente influenzati dalla pubblicità, nonostante le regole vietino che il cibo spazzatura sia promosso all’interno di programmi tv per bambini. Lo scolaro, ogni giorno solitamente guarda programmi adatti a tutta la famiglia, tra le 19.00 e le 20.00 e anche nel corso del fine settimana, quando gli spot possono essere visualizzati. I ricercatori, al proposito, affermano che ciò significa che c’è una lacuna nella legislazione attuale”.

La pubblicità televisiva, fa sì che i bambini tormentino i loro genitori affinché comprino il cibo spazzatura, annuncia il rapporto. Alcuni bambini, nello studio, decrivono il cibo malsano come “dipendenza”, ma un altro ha affermato che vedere la pubblicità tv della pizza, gli ha fatto venir voglia di “leccare lo schermo”.  Dopo aver visto uno spot sui dolci, una ragazzina ha detto:”Ti fa sentire felice, eccitato e viene voglia di provare, di imitare il ragazzo dello spot che balla poiché lo ha mangiato e gustato”.

I ricercatori hanno notato che i bambini avevano un buon livello di conoscenze nutrizionali ma gli spot tentano a mangiare cibi allettanti ma di bassa qualità: ricchi di conservanti, coloranti e sostanze chimiche.

In Inghilterra, attualmente circa il 30% dei bambini dai 2 ai 15 anni, è in sovrappeso o obeso, mentre per il Galles la cifra sale al 34% e si scende al 31% in Scozia. Cancer Research UK è tra le diverse associazioni di beneficenza che chiedono in tv il divieto di pubblicità del cibo spazzatura, prima delle 21.00.

Jyotsna Vohra, del Cancer Research UK , ha detto che i risultati sono preoccupanti. Alison Cox, direttore della prevenzione dell’ente benefico, ha aggiunto:”E’ chiaro che non sono sufficienti le restrizioni ora in atto durante trasmissioni televisive per bambini. L’aumento dell’obesità infantile è una grande preoccupazione ed è in crescita. Non ci deve essere alcun ritardo nel prendere provvedimenti”.

“I bambini obesi hanno circa cinque volte in più la probabilità di diventare adulti obesi e questi ultimi, maggiori probablità di sviluppare il cancro”. Sarah Toule, capo dell’Healt Information al World Cancer Research Fund, ha dichiarato:”Questo nuovo rapporto evidenzia ulteriormente, l’importanza di proteggere i figli da un certo tipo di pubblicità e garantire loro di diventare adulti sani”.

“Dopo l’evitare di fumare, mantenere un peso sano è la cosa migliore per prevenire il cancro ma, due terzi degli adulti nel Regno Unito, sono in sovrappeso o obesi”. “Infatti, aumenta il rischio di 11 tumori diffusi, tra cui al seno, alla prostata e al colon e circa 25.000 casi di cancro ogni anno, nel Regno Unito, potrebbero essere evitati se tutti mantenessero il peso corretto”.