Salute

Toscana sanità: se esame visite ritardano rimborso 25 €

Toscana: se esame ritarda rimborso 25 €. Come accelerare...

Toscana: se esame ritarda rimborso 25 €. Come accelerare…

ROMA – La appena varata riforma della sanità toscana mette la Regione più dalla parte del cittadino/utente nei confronti dei disservizi delle Asl. Per esempio istituzionalizza un rimborso di 25 euro per i ritardi negli esami. Il tempo di attesa massimo stabilita è di 30 giorni, a fronte di visite che vengono programmate anche dopo 18 mesi.

Si può velocizzare l’iter telefonando al numero verde regionale: il numero 800 556060 – è stato istituito per andare incontro ai pazienti costretti ad attese di 12-18 mesi. “Per alcune prestazioni, dalla Rmn all’encefalo alla Tac al torace – dice Carla Rizzuti, responsabile del monitoraggio delle liste – ci prendiamo l’impegno a trovare un appuntamento nell’Asl di riferimento in tempi più rapidi. Quasi sempre ci riusciamo”. Sul Tirreno Ilaria Bonuccelli fa il punto sulla mezza rivoluzione toscana (solo nel 40% dei casi la Regione rispetta i tempi, 6 utenti su 10 avrebbero diritto a un rimborso che quasi mai chiedono).

E’ proprio dal Cup che si attiva la procedura per il rimborso. Il paziente deve accettare il primo appuntamento disponibile offerto dall’Asl: se sfora i tempi di attesa fissati per la prestazione, si chiede il rimborso. Se il cittadino è al Cup chiede il modulo per il rimborso; se è al telefono, chiede l’invio del modulo per posta. L’Asl ha 6 mesi dalla richiesta per rimborsare i 25 euro. Nel modulo fornito dall’Asl ci devono essere questi dati: prestazione prenotata; prima data disponibile al momento della prenotazione; specifiche del presidio erogatore, ora, professionista o equipe; recapiti per eventuale disdetta dell’appuntamento. (Ilaria Bonuccelli, Il Tirreno).

To Top