Blitz quotidiano
powered by aruba

Trapianto da record: fegato donato da donna di 94 anni

Il fegato è uno dei pochi organi che, previe le opportune valutazioni cliniche e strumentali, può essere prelevato da donatori anziani

DOMODOSSOLA (VERBANIA-CUSIO-OSSOLA)  – Trapianto da record all’ospedale Molinette di Torino: una donna di 61 anni ha ricevuto un fegato da una donna di 94 anni deceduta.

L’organo è stato espiantato all’ospedale San Biagio di Domodossola (Verbania), dove l’anziana è morta. E’ la prima volta che in Italia viene effettuato con esito positivo il trapianto di un organo da donatore così avanti con l’età.

Il fegato è uno dei pochi organi che, previe le opportune valutazioni cliniche e strumentali, può essere prelevato da donatori anziani. Il prelievo è avvenuto grazie al parere favorevole dell’anziana.

Il trapianto ha impegnato per tutta la notte tra mercoledì e giovedì l’équipe del professor Mauro Salizzoni, direttore del Centro trapianti di fegato della Città della Salute di Torino. La donna trapiantata è ora ricoverata in terapia intensiva all’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino.

Il centro trapianti di fegato diretto da Salizzoni ha compiuto da poco 25 anni: il primo trapianto venne effettuato il 10 ottobre 1990 su un uomo di 44 anni affetto da epatite virale. Da allora, in un quarto di secolo, sono stati eseguiti oltre 2.700 trapianti di fegato.

In questo periodo la sopravvivenza dell’organo è risultata del 75% a 5 anni, ma questa sale all’80% se si analizzano gli ultimi 8 anni di attività di trapianti. Ancora più elevata la sopravvivenza dei pazienti pediatrici, che raggiunge il 93% a 10 anni dal trapianto.