Blitz quotidiano
powered by aruba

Trapianto tendine da cadavere a…giocatore della nazionale

TORINO – Un giocatore della nazionale di basket ha ricevuto un tendine da un donatore cadavere. Il giocatore, di cui non è stato rivelato il nome né la nazionale di cui fa parte, è stato operato all’ospedale di Biella dal dottor Erico Schiavone, direttore dell’ortopedia dell’ospedale Degli Infermi. Il giocatore aveva subito un grave danneggiamento al crociato anteriore e ha dovuto subire un trapianto di tendine, che in questi casi avviene da un cadavere.

Il dottor Schiavone, che ha eseguito il trapianto a Biella, ha scelto per il giocatore  la tecnica del trapianto con “allograft”, cioè l’applicazione di un tendine da donatore cadavere. L’operazione è stata eseguita in artroscopia con il materiale acquisito dalla banca dell’osso e dei tessuti del CTO di Torino.

Questa tipologia di intervento viene solitamente realizzato in day surgery, cioè il paziente in una giornata entra in ospedale, viene sottoposto all’operazione e può tornare a casa. Tale operazione consente di non dover prelevare tendini dal paziente stesso, evitando così l’indebolimento di altre parti del corpo. Un’autista dell’Asl è partito per Torino in primissima mattina per andare a prendere il tendine, conservato sotto zero e riportarlo a Biella in tempo utile poiché l’innesto deve avvenire entro le quattro ore dal prelievo dal donatore.