Blitz quotidiano
powered by aruba

Asteroide sfiora la Terra. E nessuno lo vede arrivare

ROMA – Un grosso asteroide di alcune decine di metri di diametro ha appena sfiorato la Terra. E nessuno l’ha visto arrivare. L’asteroide, chiamato dagli astronomi brasiliani che l’hanno individuato 2016Q2A, avrebbe potuto causare danni non da poco se si fosse scontrato con il nostro pianeta. Ne sanno qualcosa i russi, dove in Siberia, a Celiabinsk, nel 2013 un asteroide ben più piccolo di 2016Q2A è arrivato al suolo ferendo mille persone.

L’asteroide 2016Q2A è passato inosservato finché la sua presenta è stata rilevata dal telescopio dell’osservatorio Sonear in Brasile lo scorso 27 agosto. Il passaggio orbitale più vicino alla Terra è avvenuto alle 3:24 di domenica 28 agosto, per fortuna senza danni.

La massa di roccia è passata a 80mila chilometri dalla Terra: una bella distanza, anche considerato che la Luna dista dal nostro pianeta, in media, 348mila chilometri. Sembra comunque che si sia trattato dell’evento più ravvicinato degli ultimi anni.

Come ha spiegato Maura Tombelli, responsabile del gruppo astrofili Montelupo (un osservatorio che si trova a Montelupo Fiorentino, a 7 km da Empoli, in provincia di Firenze), al notiziario online dell’Istituto nazionale di astrofisica, 

“Nell’ambito del nostro programma osservativo sui NEA (Near-Earth asteroids), consultando la pagina del Minor Planet Center dell’Unione astronomica internazionale sugli oggetti da confermare, abbiamo visto questo asteroide di magnitudine 14 che avremmo potuto osservare tranquillamente anche noi. Solo che era nell’emisfero sud, allora abbiamo attivato il telescopio remoto MPC Q62 a Siding Spring, in Australia, a cui abbiamo possibilità di accedere e con il quale, appunto, abbiamo confermato l’asteroide 2016 QA2. E’ un sasso di qualche decina di metri che, se ci avesse preso, sarebbe stato non dico devastante, però dove cascava sicuramente faceva dei danni. Le misure effettuate serviranno per determinarne l’orbita precisa, per vedere se questo asteroide sarà pericoloso nel futuro”.

 


PER SAPERNE DI PIU'