Scienza e Tecnologia

Atlante del mondo sotterraneo: così le placche hanno cambiato la Terra

atlante-mondo-sotterraneo

Atlante del mondo sotterraneo: lo studio che spiega come è cambiata la Terra

ROMA – L’incredibile Atlante del mondo sotterraneo realizzato da tre scienziati olandesi, rivela 94 antiche placche tettoniche situate nella profondità della Terra. L’atlante attraversa circa 300 milioni di anni di storia del nostro pianeta, rivela come i diversi processi geologici abbiano cambiato il volto della Terra.

Alcune di queste placche tettoniche sono finite a più di mille chilometri all’interno del mantello terrestre, dando origine ad alcune delle più straordinarie caratteristiche del pianeta, dall’Himalaya all’Anello o cintura di Fuoco del Pacifico.

L’incredibile catalogo del mondo sotterraneo è stato pubblicato dagli scienziati olandesi Douwe van der Meer, Douwe van Hinsbergen e Wim Spakman dell’Università di Utrecht sulla rivista Tectonophysics, esaminato 94 distinte placche tettoniche sotto il mantello terrestre e ne hanno già identificate altre due nella zona orientale del Mediterraneo.

Grazie a recenti tecniche di tomografia sismica, i geologi ora sono in grado di creare immagini 3D di questi pezzi della crosta terreste finiti all’interno del mantello terrestre, fino a 2.900 km di profondità.

La tecnica, che si basa sull’interpretazione di milioni di onde sismiche registrate nel corso degli ultimi anni, ha messo in luce pezzi di placche tettoniche che danno informazioni sull’età, le dimensioni e il percorso che dalla superficie le ha portate al mantello profondo e che una volta lì, possono rimanere anche milioni di anni ma non smettono di muoversi.

Il lavoro degli scienziati olandesi, non solo illumina l’attività sotto la superficie terrestre, ma può anche migliorare la comprensione dei diversi clima nell’antichità, la dimensione e la posizione degli oceani e l’attività vulcanica del passato.

To Top