Blitz quotidiano
powered by aruba

Baby Boom jet, erede del Concorde: New York-Londra 3h e 15

ROMA – Baby Boom jet, erede del Concorde: New York-Londra 3h e 15. Dalla pubblicazione del primo disco della neonata Virgin Records nel 1972 (Tubolars Bells di Mike Oldfield) fino al Baby Boom, jet di ultimissima generazione (è ancora in fase di prototipo) la traiettoria imprenditoriale di Ric Branson è davvero associabile a un incedibile volo ad ali spiegate e a velocità supersonica.

Il fondatore della compagnia aerea Virgin Group si è lanciato nell’ennesima sfida: rinverdire i fasti transatlantici del mitico Concorde anglo-francese, l’aereo passeggeri più veloce del mondo prima del suo precoce pensionamento. Baby Boom, la creatura in procinto di nascere e di sfondare con un “botto” il muro del suono, promette di colmare la distanza New York-Londra in 3 ore e 15 minuti, un quarto d’ora supplementare se si fa il viaggio in direzione opposta.

Branson ha infatti deciso di investire forte e ha ordinato 10 velivoli alla start up che a Denver in Colorado sta lavorando al progetto, identificato con la sigla XB1: supererà il Concorde del 10% in velocità, raggiungerà i 2300 km all’ora, grazie a tre motori General Electric J85-21 senza afterburner.  Ma conserverà, del prestigioso antenato, il classico profilo con il bel mantello formato dalle ali a delta.

Il primo collaudo è previsto per l’anno prossimo, si prevede il primo viaggio commerciale nel 2023. Costerà tanto ma meno del Concorde: 5mila euro andata e ritorno per il Baby Boom di prima classe 845 passeggeri), qualcosa di meno per quello con 55 posti a sedere.