Blitz quotidiano
powered by aruba

Cervello, lo switch per salvarlo: così un ragazzo ha recuperato la parola

ROMA – Uno “switch” nel cervello che passa le abilità, dalla parola alla capacità di camminare, dall’emisfero destro a quello sinistro e viceversa. Questa la nuova riabilitazione creta ad hoc per il cervello che ha permesso ad un ragazzo di 19 anni bilingue che in seguito a un incidente con trauma cranico soffriva di gravi difficoltà cognitive, motorie e aveva perso l’uso della parola di riacquistare queste capacità. Si tratta del primo caso al mondo, come testimonia anche Andrea Marini dell’Università di Udine, in cui l’emisfero destro del cervello supplisce a quello sinistro danneggiato.

Lo studio, pubblicato su Brain and Language e a cui hanno partecipato l’università di Udine, quella di Torino e il centro per il recupero cognitivo Puzzle, è una dimostrazione delle potenzialità del cervello e apre a nuove possibilità di recupero del linguaggio e del movimento in casi di ictus o altre lesioni gravi. Marini ha spiegato:

“In seguito all’incidente stradale nel giro di 4 mesi l’emisfero sinistro del cervello del ragazzo si è completamente distrutto. Grazie ad un intenso programma di riabilitazione sperimentale creato ad hoc e durato dal 2011 al 2016 e nonostante avessimo lavorato solo in lingua italiana, il giovane ha ripreso a parlare sia in italiano che in rumeno. Abbiamo inoltre osservato che utilizzava la stessa zona dell’emisfero destro per entrambe le lingue”.

Un recupero parallelo mai osservato e descritto prima, sottolineano gli esperti, ottenuto

“bombardando il paziente da tutti i punti di vista, da quelli prettamente linguistici e quelli che riguardano più specificamente la comunicazione”.