Blitz quotidiano
powered by aruba

Cervello, perché sogna che dobbiamo rifare l’esame

ROMA – Cervello, ecco perché si sogna di dover rifare l’esame: siamo sotto stress, ci sentiamo particolarmente vulnerabili e soprattutto impreparati di fronte ad una sfida da affrontare. E abbiamo bisogno di rassicurazioni. Perché alla fine, quando ci svegliamo, ci accmo che l’esame l’abbiamo fatto. E questo ci fa sentire subito meglio.

Sul sogno di dover rifare un esame all’università, o l’esame di maturità, è tornato un articolo del Washington Post ripreso da Danilo di Diodoro sul Corriere della Sera.

Il sogno dell’esame da rifare è uno dei più diffusi e rappresenta uno dei tipici sogni d’ansia, che si ripresentano spesso nella vita quando ci troviamo in situazioni particolarmente difficili da affrontare, e siamo molto sotto tensione.

Solitamente si tratta di esami del passato, della vita scolastica o universitaria, difficilmente di concorsi o test più recenti nel tempo. Questo perché, spiega di Diodoro sul Corriere della Sera, sembra che ci sia bisogno di una certa distanza temporale tra il momento in cui si sogna e l’esame che viene sognato: il cervello, quando è sotto stress, va infatti a ripescare nella memoria le situazioni originali, che per prime hanno marcato la vita della persona.

Talvolta nel sogno appariamo completamente davanti alla commissione, e proviamo imbarazzo e angoscia, ma anche curiosità per come ci siamo ritrovati lì. In questo caso alla componente di ansia si aggiunge un senso di vulnerabilità, di perdita di controllo. Si tratta di una sensazione che, secondo quanto ha spiegato la neurologa Judy Willis al Washington Post, viene provata soprattutto da persone molto professionali, che hanno avuto successo a scuola. I cosiddetti bravi ragazzi, che hanno sempre fatto la “cosa giusta”, “persone che chiedono elevate performance per se stesse. Il ripetersi di questi sogni è da correlare a periodi di stress e di pressione, quando c’è una sfida da affrontare”.

 

Ma c’è anche il lato della rassicurazione: secondo Sigmund Freud, spiega di Diodoro, il sogno dell’esame rappresenta anche una forma di rassicurazione e di autorimprovero. La prima deriva dal fatto che subito dopo il sogno, quando ci si sveglia, si ha la certezza di aver già fatto quell’esame, e ci si sente subito meglio. L’autorimprovero è invece per la tendenza a rifare il sogno di qualcosa che è ormai superato. Ma che, nonostante questo, ogni tanto torna ad angosciare.

 


TAG: