Scienza e Tecnologia

Cina punta alla Luna: collaborazione con Esa per costruire una base lunare

Cina punta alla Luna: collaborazione con Esa per costruire una base lunare

Cina punta alla Luna: collaborazione con Esa per costruire una base lunare

PECHINO – Costruire una base sulla Luna. Questo l’obiettivo della Cina che sta cercando collaboratori internazionali, tra cui l’Agenzia spaziale europea, Esa. Tian Yulong, il segretario dell’Agenzia spaziale cinese, Cnsa, ha annunciato l’intenzione della costruzione della base lunare, proprio mentre l’Esa ha lanciato il progetto ‘Moon Village‘, descritto come possibile base internazionale da cui far partire le future spedizioni per Marte.

Tian ha fatto l’annuncio domenica 24 aprile, giornata dello Spazio in Cina, a Xi’an, capitale della provincia di Shaanxi, secondo quanto riportato dallo Science and Technology Daily e rilanciato dal Global Times. L’Esa ha ipotizzato l’invio di robot sul pianeta terrestre nel prossimo decennio al fine di cominciare la costruzione di quella che potrebbe essere la prima colonia umana nello spazio.

Il piano fu presentato, pur in assenza di tempistica ufficiale, a un simposio di dicembre 2015 ipotizzando inoltre, a base completata, l’ambizioso e successivo obiettivo di raggiungere Marte. La Cina ha avviato un altrettanto ambizioso programma spaziale che include pure la visita al “pianeta rosso”: pochi giorni fa ha lanciato un razzo con un altro pezzo della stazione orbitante in costruzione, mentre il prossimo anno ci sarà la prima missione sulla faccia più lontana della Luna.

San raffaele

Le discussioni in corso con l’Esa ripropongono il problema del ruolo della Cina a livello internazionale, viste le resistenze soprattutto americane. Se all’inizio i timori erano sui rischi di trasferimento tecnologico, Pechino ha dimostrato di poter portare avanti i suoi programmi anche se con più difficoltà senza una solida cooperazione internazionale.

Nel 2024 la Stazione spaziale internazionale, nata durante gli anni della Guerra Fredda dalla cooperazione di Russia e Stati Uniti, sarà decommissionata lasciando quella cinese come unica operativa intorno alla Terra. Si porrà quindi il problema su come procedere a livello internazionale: Francia, Germania e Italia sono favorevoli a un possibile maggior coinvolgimento della Cina, mentre in quest’ottica restano da capire le posizioni finali di Russia e Usa. Il Giappone, altro player del settore, ha espresso perplessità per gli assetti geopolitici in Estremo Oriente.

To Top