Scienza e Tecnologia

Fine del mondo: indice Rapture misura le disgrazie e dice che…

Fine del mondo: indice Rapture misura le disgrazie e dice che...

LONDRA – I cristiani credono che il secondo arrivo di Gesù (e quindi la fine del mondo) avverrà dopo una serie di eventi in tutto il mondo che sconvolgeranno l’umanità.

Dal satanismo al terrorismo alle bizzarrie del tempo e alle piaghe, Todd Strandberg ha inserito il monitoraggio di questi eventi in The Rapture Index, che letteralmente si potrebbe tradurre in “Indice rapimento”.

Circa 45 eventi sono nella lista che ricevono i punteggi in base alla loro attività in tutto il mondo – questi punteggi vengono poi sommati per il totale Rapture Index.

“Queste sono cose indipendenti”, ha detto Strandberg in un’intervista al DailyMail. “L’unico collegamento che hanno è la profezia e quando li vedi agire insieme dimostra che siamo alla fine dei tempi o vicini alla ora della tribolazione”.

Strandberg divenne cristiano alla fine del 1980 e ha iniziato a lavorare su L’Indice Rapture nel 1987.  “L’indice Rapture è progettato per misurare il tipo di attività che potrebbe agire come un precursore della fine”, si legge sul sito web di Strandberg.

“Si potrebbe dire che l’indice di Rapture è un Dow Jones Industrial Average dell’Apocalisse, ma penso che sarebbe meglio se si vedesse come tachimetro della profezia”. “Più alto è il numero, più velocemente ci stiamo muovendo verso il verificarsi della pre-fine”.

L’elenco mette in evidenza 45 diverse categorie che Strandberg ha estratto dalla Bibbia che si dice siano associate alla fine dei tempi.

Ad esempio, l’indice include piaghe, che possono essere trovati nel libro dell’Apocalisse – dice le sette ultime piaghe che avverranno poco prima del rapimento.

A ognuna delle categorie viene dato un punteggio che Strandberg calcola analizzando le notizie del mondo reale per poi combinare tutti i punteggi per l’indice Rapture.

Se c’è un terremoto, si aggiunge un punto a quella categoria e se c’è atti di terrorismo, si ottiene ancora un aggiornamento.

Dice Strandberg: “Sembra che ci stiamo dirigendo nell’occhio di un uragano e io sono affascinato da quello che sta succedendo con Donald Trump – entrambe le parti sono vorticose sempre più velocemente”.

To Top