Scienza e Tecnologia

Giovanni Bignami è morto a soli 73 anni. Astrofisico pioniere della ricerca

Giovanni Bignami è morto. Astrofisico pioniere di nuove astronomie dell'invisibile, aveva 73 anni

Giovanni Bignami è morto. Astrofisico pioniere di nuove astronomie dell’invisibile, aveva 73 anni

MADRID – E’ morto a 73 anni Giovanni Bignami, astrofisico, pioniere di nuove astronomie dell’invisibile.

Nato a Desio (Monza-Brianza) nel 1944, dal 2007 al 2008 Bignami è stato Presidente della Agenzia Spaziale Italiana, dal 2010 al 2012 è stato il primo italiano a presiedere il COSPAR (Comitato per la Ricerca Spaziale), dal 2011 al 2015 è stato Presidente dell’INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica), oltre ad aver diretto il maggior Centro di Studi Spaziali di Francia, Paese che gli dato la Legion d’Onore.

Ha scritto una decina di libri di comunicazione scientifica, tradotti in sette lingue. Collaborava con diverse testate giornalistiche e aveva un blog su Agi.it. Alla Rai lavorava con Piero e Alberto Angela. Gli era stato dedicato l’asteroide 6852 Nannibignami scoperto nel 1985.

Bignami è stato anche membro dell’Accademia dei Lincei, da cui ha ricevuto, nel 2004, il premio quadriennale per l’Astronomia del Ministero dei Beni Culturali della Repubblica Italiana.

Nel 1993 la American Astronomical Society gli ha conferito il Premio Bruno Rossi per il contributo alla comprensione di Geminga, nel 2002 ha ricevuto la medaglia Massey Award, assegnata congiuntamente dalla Royal Society (UK) e dal Comitato Mondiale per la Ricerca Spaziale (COSPAR).

Per la propria attività divulgativa in astronomia ha ricevuto il Premio Lacchini (2006), il Premio Capo d’Orlando (2011 e 2012) per la promozione multimediale della cultura scientifica e il Premio “le Stelle” (2012) per la pluridecennale ricerca in astrofisica delle alte energie e la direzione scientifica di importanti organizzazioni spaziali italiane ed europee.

To Top