Blitz quotidiano
powered by aruba

Google novità: realtà virtuale e assistenti “smart”

ROMA – La realtà virtuale, con un visore nuovo di zecca basato su Android, ma anche le integrazioni fra il motore di ricerca Google, i dispositivi tecnologici e le app che fanno da assistente “intelligente” agli utenti. Sono i trend tecnologici del momento e quelli che con tutta probabilità regaleranno le novità maggiori alla Google I/O, la conferenza annuale per gli sviluppatori di Big G in programma dal 18 al 20 maggio.

L’edizione 2016 dell’evento è importante per due motivi. Il primo è che sarà la prima conferenza per gli sviluppatori che la compagnia organizza sotto la nuova struttura aziendale di Alphabet. Il secondo è che l’evento compie 10 anni e si terrà come annunciato dal Ceo di Google Sundar Pichai lì “dove tutto è iniziato”, ovvero a Mountain View, sede del colosso californiano. Più precisamente nel suo “giardino”: lo Shoreline Ampitheatre, uno spazio che può ospitare fino a 22.500 persone.

L’appuntamento è di solito la vetrina per i maggiori aggiornamenti del software per dispositivi mobili, Android, con cui funziona oltre l’80% degli smartphone nel mondo e che di recente è finito nel mirino delle autorità Ue per abuso di posizione dominante. Di Android N, la versione successiva a Marshmallow, la compagnia ha già dato ampia anteprima a marzo, ma le declinazioni della piattaforma oltre i telefonini sono più d’una, dai dispositivi indossabili con Android Wear a possibili esordi nel campo della realtà virtuale.

Proprio su questo filone, Big G ha già all’attivo diversi esperimenti: dai pioneristici Google Glass ai visori ‘low cost’ Cardboard adottati anche dal New York Times per una lettura più tecnologica di alcune storie. Secondo indiscrezioni la settimana prossima ci potrebbe però essere l’anteprima di un visore autonomo, indipendente da smartphone o pc, basato su una versione ad hoc di Android che punta a competere con quelli di Samsung, Htc e Facebook.

Senza contare che Android potrebbe far notizia anche per una sua eventuale “fusione” col sistema operativo Chrome OS per i computer. L’intelligenza artificiale e le sue potenzialità come assistente personale degli utenti sono poi un altro filone da tenere sott’occhio. Sono recenti i ‘rumors’ sullo sviluppo da parte di Google di un assistente vocale “da salotto”, un cilindro simile a Echo di Amazon: secondo il sito Recode avrebbe nome in codice “Chirp” e anche se non sarà ufficializzato alla Google I/O, la conferenza potrebbe essere comunque l’occasione per anticiparne alcune funzioni. Aggiornamenti sono attesi anche su altri campi, dai droni di Google Wing alle Google Car, che ha fatto notizia per l’accordo con Fca. Infine, i palloni aerostatici di Project Loon per portare copertura internet in zone remote potrebbero esordire dal vivo nella nuova location esterna scelta per l’evento.


TAG: