Scienza e Tecnologia

YOUTUBE Google Pixel 2 XL: prezzo, info, caratteristiche del nuovo smartphone

google-pixel-2-xl

Google Pixel 2 XL: prezzo, info, caratteristiche del nuovo smartphone (foto Ansa)

ROMA – Pixel 2 XL è il nuovo smartphone di Google, disponibile in Italia dal 15 novembre, è in vendita a circa 1.000 euro. E’ uno smartphone Android avanzato, dispone di un grande display da 6 pollici e di una risoluzione da 2880×1440 pixel che è la più elevata attualmente in circolazione.Tra le funzionalità c’è il modulo LTE 4G per permette un trasferimento dati e un’eccellente navigazione in Internet.

La fotocamera da 12.2 megapixel permette a Pixel 2 XL di scattare foto con una risoluzione di 3968×2976 pixel e di registrare video in 4K alla risoluzione di 3840×2160 pixel. Lo spessore è di 7.6 mm e il display POLED diagonale da 6,0 pollici con risoluzione 2880 x 1440 (densità 538 ppi), è protetto da Gorilla Glass 5, il più forte vetro sul mercato sul fronte degli smartphone. Il display dispone anche di tecnologia costantemente in funzione per la visualizzazione di informazioni come il meteo e le notifiche.

Pixel XL2 non avrà l’uscita per le cuffie (nella scatola è incluso un adattatore USB-C) e si potrà scegliere tra i 64 e i 128GB di memoria. Un’altra caratteristica che rende il PIXEL unico nel suo genere è il corpo in alluminio “comprimibile”, al quale basterà fare una leggera pressione sui lati per entrare nel “Google Assistant”.

Lo smartphone ha una fotocamera frontale da 8megapixel e una posteriore da 12, con apertura a f/1.8. L’hardware è rimasto lo stesso rispetto allo scorso anno, ma è migliorato grazie ai progressi nei software di Google, nonché all’inserimento di uno stabilizzatore ottico per immagini, sia per le fotografie che per i video.

La DxOMark, società che si occupa di recensire fotocamere, ha dato a Google un punteggio di 98, portando così più in basso nella classifica sia l’iPhone8 che il Samsung Note 8.

La modalità foto ritratto sarà simile a quella dell’Iphone, ma userà due sensori vicini tra loro affinché possano ottenere i dati dalla lente singola, dal momento che sul telefono ne è presente solo una.

Il sistema funziona sulla fotocamera frontale e non, e Google ha riferito che sarà utilizzabile da subito, al contrario dell’iPhone, che in modalità fotoritratto richiede un paio di secondi per percepire la profondità e, infine, inquadrare il soggetto.

To Top