Blitz quotidiano
powered by aruba

Mammut, un dente fossile ritrovato a Naze FOTO

ROMA – Potrebbe risalire a 3 milioni di anni fa il dente di mammut ritrovato a Naze, sulla costa dell’Essex. Alcuni esperti, invece, ritengono sia molto più recente e risalga a 50.000 anni fa. Wendy e John Booth hanno scoperto il fossile al Naze, dove spesso si recano a perlustrare la zona in cerca di fossili.

“In un primo momento – afferma Wendy – pensavamo si trattasse di un blocco di cemento marrone recuperato da una barca, ma quando ho capito di cosa si trattava, ero entusiasta. Potrebbe essere la scoperta del secolo. Lo teniamo come ricordo e lo mostriamo con orgoglio”.

Steven Walker, agente di pubblicità al centro visitatori di Naze, ha detto al Daily Mail:”E’ un ritrovamento molto raro”. Le scogliere di Walton, sono famose per la ricerca di denti di squalo, che fuoriescono dall’argilla, in particolare nel tratto più importante, il London Clay, vecchio di 50 milioni di anni con depositi risalenti al cretaceo e al paleocene.

Il dente di mammut potrebbe provenire dalla formazione di 3 milioni di anni fa. Walker ha spiegato:

“La teoria è che sia saltato fuori a Clacton, dragato nella sabbia da rilocare sulle spiagge di Holland-on-Sea. Sappiamo che ossa di mammut sono state trovate a Walton, ma nulla hanno a che fare con il dragaggio. Si tratta di un vero e proprio fossile di roccia rossa, risalente a 3 milioni di anni fa”.

Tuttavia, Adrian Lister, professore esperto di mammut al Natural History Musemum di Londra, afferma che il dente non può avere 3 milioni di anni. Si tratta di un molare superiore di un mammut, probabilmente un mammut lanoso.

“Non ha 3 milioni di anni, è impossibile essere precisi senza conoscere il contesto geologico ma potrebbe averne 50.000 (ultima glaciazione)”.

Mike Benton, professore di paleontologia dei vertebrati all’University of Bristol, ha confermato che il ritrovamento è realmente di un dente di mammut, spiega:

“Per quanto riguarda l’età, tuttavia, dipende dalle rocce su cui è stato trovato. C’è la roccia rossa, che risale a 3 milioni di anni e del Pleistocene, che va da 1 milione a 11.000 anni fa. Il mammut può appartenere ad entrambi”.

La coppia che ha trovato il fossile, di Cliffe nel Kent, negli ultimi anni si è regolarmente recata a Naze, spesso per cercare fossili sulle scogliere con due amici di Walton, Stephen e Rhoda Ryder. Rhoda afferma:

“Abbiamo trovato denti di squalo e ossa, ma niente di simile a questo dente. E grande come uno stivale. Naze è famosa per la ricerca di fossili”.

Walker, del centro visitatori, spiega che le persone non sono autorizzate a cercare fossili scavando sulle scogliere ma possono raccoglierli sulla spiaggia. Il centro, aperto di recente, dispone di un display che illustra il clima tropicale di 50 milioni di anni fa, quando intorno alle coste dell’Essex, gli squali si nutrivano di pesci più piccoli.


PER SAPERNE DI PIU'