Scienza e Tecnologia

Nasa, astronauti senza tuta spaziale: un flop le ricerche degli ultimi 10 anni

Nasa, astronauti senza tuta spaziale: un flop le ricerche degli ultimi 10 anni

Nasa, astronauti senza tuta spaziale: un flop le ricerche degli ultimi 10 anni

ROMA – Niente tuta spaziale per gli astronauti. Dopo 10 anni di ricerche e 200 milioni di dollari investiti la sperimentazione delle tute è stata un vero flop e ora gli astronauti si ritrovano senza “vestiti” per le future missioni. A lanciare l’allarme è la Nasa, che annuncia che una erede della tuta EmuExtravehicular mobility unit, ad oggi ancora non c’è e questo mette a rischio le missioni verso la Luna e Marte.

Simone Cosimi su Repubblica scrive che la Emu al momento è utilizzata dagli equipaggi della Stazione spaziale internazionale, Iss, e da quelli della russa Orlan, ma un rapporto dell’ispettorato generale della Nasa redatto da Paul K. Martin solleva la questione. Gli astronauti sono destinati a rimanere senza tuta:

“Secondo il rapporto il problema non riguarderà solo i sistemi legati alle missioni come Orion, in programma a partire dal 2021, ma tocca anche la situazione attuale nella Stazione spaziale internazionale. “Solo 11 delle 18 unità originali della Emu sono ancora in uso – si legge nel documento – e questo solleva preoccupazioni sull’equipaggiamento, che potrebbe non essere sufficiente fino alla conclusione della missione Iss” in programma per il 2024. Prima di costruire un avamposto sulla Luna nel prossimo decennio o provare a lanciarsi nel 2030 verso Marte, oltre che appunto far decollare il programma Orion, insomma, bisognerà risolvere il problema del vestiario: nuove tute in grado di adattarsi a diverse necessità.

“Missioni differenti richiedono design diversi e la mancanza di un piano formale e specifico sulle destinazioni per le missioni future ha complicato lo sviluppo – si legge nel documento, che dunque mette sotto inchiesta anche la fumosità della tabella di marcia per i prossimi decenni – in più l’agenzia ha tagliato i fondi dedicati allo sviluppo delle tute spaziali destinandoli ad altre priorità come gli ambienti di vita spaziali”. Peccato che senza quelle attrezzature ogni progetto su “case” e insediamenti lunari non abbia senso”.

 

 

To Top