Scienza e Tecnologia

Nuova Zelanda. Riscoperta l’ottava meraviglia del mondo sepolta dal vulcano

Nuova Zelanda. Riscoperta l'ottava meraviglia del mondo sepolta dal vulcano

Nuova Zelanda. Riscoperta l’ottava meraviglia del mondo sepolta dal vulcano

ROMA – Nuova Zelanda. Riscoperta l’ottava meraviglia del mondo sepolta dal vulcano. L’ottava meraviglia naturale del mondo è stata riscoperta in Nuova Zelanda, 131 anni dopo essere rimasta sepolta da un’eruzione vulcanica. E’ quella delle spettacolari terrazze di pietra rosa e bianca, vasche a cascata formate da fonti geotermiche saturate di silicio, che discendevano sulle acque temperate del lago Rotomahana nell’Isola del Nord.

E fino al 19mo secolo attiravano turisti e studiosi da tutto il mondo. Ricercatori dell’Institute of Geological and Nuclear Sciences hanno identificato la località in cui le terrazze rimangono preservate 10-15 metri sotto la superficie, sotto strati di fango e cenere, e sostengono che sarà necessaria un piena ricognizione archeologica per scavare il sito. I ricercatori Rex Bunn e Sasha Nolden scrivono sul Journal of the Royal Society of New Zealand che le terrazze non sono rimaste distrutte o spinte fino in fondo al lago, come suggerito da precedenti ricerche, ma sono sepolte sulle coste del lago.

E ritengono che dopo gli scavi potrebbero essere ripristinate nella passata gloria. “Le terrazze divennero la più grande attrazione turistica nell’emisfero sud e nell’impero britannico, e i turisti affrontavano il viaggio dall’Europa e dall’America per ammirarle”, scrivono gli studiosi. “Ma non fu mai eseguita una ricognizione accurata da parte del governo del tempo, quindi non erano state finora registrate le loro coordinate”.

San raffaele

I ricercatori si sono affidati ai diari del geologo austro-tedesco Ferdinand von Hochstetter, che contengono una descrizione dettagliata della località delle terrazze prima dell’eruzione del vulcano Tarawera nel 1886. “Ci siamo affidati alla sola ricognizione mai eseguita di quella parte della Nuova Zelanda e siamo fiduciosi che la cartografia sia corretta. Hochstetter era un cartografo molto competente”.

“L’opera di recupero è nel pubblico interesse. Abbiamo collaborato strettamente con i proprietari ancestrali del territorio, la Tuhourangi Tribal Authority, che sono stati di grande sostegno e felici del nostro lavoro”, aggiungono Rex Bunn e Sasha Nolden.

To Top