Blitz quotidiano
powered by aruba

Più Neanderthal e meno Homo Sapiens: potevamo essere così

LOS ANGELES – Non fosse stato per un capriccio del destino, tutti oggi saremmo un po’ più Neanderthal, sostiene una nuova ricerca. L’uomo di Neanderthal, che un tempo colonizzò l’Europa e l’Asia, si estinse circa 30.000 anni fa, ma non prima di incrociarsi con lo stretto parente Homo sapiens. Di conseguenza, i geni di Neanderthal costituiscono tra l’1 e il 4% del DNA dell’essere umano moderno di origine non-africana.

Il nuovo studio rivela come la selezione naturale abbia eliminato da genoma umano un gran numero di varianti del gene di Neanderthal. Ma questo è accaduto solo perché la popolazione dell’Homo Sapiens era molto più grande di quella dei Neanderthal, credono gli scienziati.

Se i geni di Neanderthal si fossero mescolati a quelli di una popolazione più piccola, avrebbero potuto sopravvivere fino ai nostri giorni. Ivan Juric, dell’University of California a Davis e autore dello studio, ha spiegato al Daily Mail: “La selezione è più efficiente per quanto riguarda la rimozione di varianti deleterie nelle grandi popolazioni. Le varianti debolmente deleterie che avrebbero potrebbero persistere negli uomini di Neanderthal non potevano esserlo nei primi esseri umani moderni”.

Juric ha aggiunto che se i Neanderthal fossero stati più numerosi quando hanno incontrato i nostri antenati, l’epoca in cui sono emigrati dall’Africa, oggi potremmo avere un diverso mix di geni Neanderthal e Homo Sapiens.

Più di 500.000 anni fa, gli esseri umani moderni ed i Neanderthal avevano un antenato africano comune. I Neanderthal si mossero per primi e arrivarono in Europa e in Asia centrale; poi, tra 50.000 a 80.000 anni fa, furono seguiti dai loro cugini Homo Sapiens.

I due tipi di umani (gli scienziati sono ancora divisi sul fatto che l’uomo di Neanderthal fosse una specie umana separata o una sottospecie) sono co-esistiti fino a quando l’uomo di Neanderthal si estinse. Lo studio, pubblicato sulla rivista Public Library of Science Genetics, mostra anche che le persone dell’Asia orientale avevano più alti livelli iniziali di discendenza da Neanderthal rispetto agli europei.


PER SAPERNE DI PIU'