Blitz quotidiano
powered by aruba

Pomodori non vanno in frigo. Uno studio spiega perché

MIAMI – Non conservate i pomodori in frigo. Parola del professor Harry Klee, alla guida di un team di ricercatori dell’Università della Florida, che ha pubblicato uno studio sulla prestigiosa rivista Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences). Secondo gli scienziati il freddo ucciderebbe lentamente il sapore: il consiglio è di evitare le temperature sotto i 12 gradi, per non alterare gli enzimi che danno il sapore caratteristico al pomodoro.

I ricercatori hanno osservato diverse varietà di pomodoro, conservate a cinque gradi centigradi, per tre e sette giorni. Dopo questo periodo di osservazione, gli alimenti sono stati posti a 20 gradi centigradi per uno o tre giorni. Risultato? All’apparenza i pomodori erano lucidi e brillanti, ma  composti volatili, che sono determinanti per il sapore, risultavano ridotti del 65% in quelli che avevano “patito” il freddo per sette giorni. E a nulla è servito esporli a temperatura ambiente per i successivi tre giorni: il loro gusto era del tutto compromesso.

Ma non è finita qui: secondo il Dott. Klee non bisognerebbe consumare pomodori in inverno e avvertire le grandi catene di distribuzione al riguardo, che li conservano a temperature troppo basse. Per i consumatori, basta attenersi a poche semplici regole: mangiarli subito, ad esempio, o entro una settimana dall’acquisto, conservandoli a temperatura ambiente.