Scienza e Tecnologia

SpaceX pronto per un nuovo lancio dopo l’esplosione a Cape Canaveral

SpaceX pronto per un nuovo lancio dopo l'esplosione a Cape Canaveral

SpaceX pronto per un nuovo lancio dopo l’esplosione a Cape Canaveral

MIAMI – Il prossimo 8 gennaio lo SpaceX si prepara ad un nuovo lancio dopo il fallimento del primo, con l’esplosione dello scorso 1° settembre. Secondo Elon Musk, ceo della SpaceX, l’esplosione sarebbe stata causata da uno dei tre serbatoi pieni d’elio posto all’interno del serbatoio di ossigeno liquido e situato nel secondo stadio del razzo.

La versione attuale del Falcon 9 utilizza i cosiddetti “propellenti super raffreddati”, proprio per sopperire al problema che avrebbe fatto incendiare il primo, spiegano da SpaceX al Daily Mail. In questo caso, l’ossigeno liquido viene raffredato fino al punto di congelamento, affinché la densità migliori le prestazioni del veicolo.

Le modifiche, tuttavia, saranno solo temporanee: successivamente, infatti, ne saranno apportate altre al sistema di serbatoio e alla procedura di caricamento. La società di Musk aveva sospeso i lanci dal 1 settembre, giorno in cui il primo razzo prese fuoco nella base di Cape Canaveral in Florida.

L’incidente costò ben 62 milioni di dollari per il razzo e 200 milioni di dollari per il satellite di comunicazioni. SpaceX, la cui appartenenza e operatività fa capo alla Tesla Motors Inc. ha all’attivo più di 70 missioni con la NASA, con un valore di oltre 10 miliardi di dollari.

To Top