Scienza e Tecnologia

Taxi volante: jet elettrico a 5 posti che decolla come un drone

Taxi volante: jet elettrico a 5 posti che decolla come un drone

Taxi volante: jet elettrico a 5 posti che decolla come un drone

MONACO – Grazie al successo di un jet elettrico, che ha passato tutto i test di volo, una start up bavarese sta sviluppando un vero e proprio “taxi volante” in grado di atterrare e decollare verticalmente.

La società Lilium, con sede a Monaco, ha investitori del calibro di Niklas Zennstrom, co-fondatore di Skype, che ha dichiarato che il veicolo a cinque posti potrebbe essere usato per servizi come taxi e ride-sharing, la condivisione di corse.

Durante le prove, il prototipo ha eseguito manovre che includevano una transizione dalla modallità over, proprio come un drone, a volo d’ala, come un aereo convenzionale. I potenziali concorrenti della società includono colossi come Airbus, produttrice di aerei di linea commerciali ed elicotteri, e Aeromobil, marchio slovacco che durante un car show a Monaco ha annunciato di aver dato il via ai pre-ordini per un vettura ibrida volante in grado di essere guidata su strada.

La produzione di questo veicolo potrebbe cominciare intorno al 2020, al momento i produttori di “macchine volanti” continuano a dover affrontare diversi ostacoli, come, ad esempio, convincere regolatori e pubblico acquirente che il prodotto presentato può essere usato in modo sicuro.

I governi non hanno ancora preso delle vere e proprie misure in fatto di regolamenti e si trovano in difficoltà in quanto a norme di droni e automobili senza conducente. La Lilium ha dichiarato che il suo velivolo, con una velocità di crociera di 300 chilometri orari, è l’unico mezzo elettrico in gradi di decollare verticalmente e a reazione: “Abbiamo risolto alcune delle sfide più difficili di ingegneria, ma siamo riusciti” ha detto il co-fondatore della Lilium, Daniel Wiegand.

Il consumo di energia del jet è paragonabile ad un auto elettrica, e ciò potrebbe far sì che i voli vengano forniti a prezzi simili a quelli normali, ma con velocità cinque volte più elevate.

La Lilium venne fondata nel 2014 da quattro laureati all’università tecnica di Monaco, figure inusuali nella scena della start-up tedesca, dominata in gran parte da imprese di e-commerce con sede a Berlino, e da imprese di ingegneria autofinanziati in tutto il Paese.

Nel 2016 ha raccolto 11,4 milioni di dollari grazie alla società Atomico Partners, guidata da Zennstrom, ed e42, braccio di investimento dell’imprenditore Frank Thelen, giudice nella trasmissione tedesca “Lion’s Den”.

Altri potenziali rivali comprendono eVolo, società con sede a Mannheim, che ha dichiarato di avere ancora speranza di vedere realizzato il “multicopter” a due posti e 18 rotori, da utilizzare come taxi volante entro il 2018.

To Top