Blitz quotidiano
powered by aruba

Ufo, le testimonianze sul paranormale a Pomezia

ROMA – Il “Convegno di ufologia città di Pomezia” è un summit nazionale che raccoglie esperti del settore e persone che affermano di aver avvistato dischi volanti e simili, per un totale di oltre trecento persone.

Come ha spiegato a Il Tempo Ivan Ceci, ufologo,

“il biografo di Carlo Magno, Eginardo, scrisse che l’Imperatore aveva avvistato due oggetti volanti e forma di scudo. Successivamente, Carlo Magno emanò un editto per proibire a chiunque avesse avuto avvistamenti simili di renderne testimonianza”.

E perché gli alieni si scomoderebbero a farci visita?

“Vogliono trasmetterci il messaggio di responsabilità verso noi stessi e verso la natura, cosa che invece non facciamo” ha aggiunto.

Con i luoghi del terremoto, gli alieni avrebbero un rapporto particolare. Filiberto Caponi, marchigiano di Arquata del Tronto, sostiene di aver incontrato una creatura dai connotati extraterrestri negli anni Novanta, appena fuori dalla sua abitazione.

“Mi sembrava un cucciolo abbandonato in una busta, e io mi avvicinai per raccoglierlo. Lo scossi a pena con il piede e fece un salto di due metri. Sono stato anche al Maurizio Costanzo Show. Ho fatto vedere le mie foto agli esperti e mi hanno detto che si tratta di una EBE, entità biologica extraterrestre”.