Blitz quotidiano
powered by aruba

Apocalisse zombie: 6 modi per difendersi dai “morti viventi”

ROMA – Apocalisse zombie: 6 modi per difendersi dai “morti viventi”. Se un giorno il mondo soccombesse a causa di un virus inarrestabile e sconosciuto, ogni essere umano dovrebbe cercare la strada per la sopravvivenza, anche cibandosi della sua stessa specie. Nell’immaginario collettivo ci sono due tipi di zombie: gli uomini privati della volontà da stregoni specializzati nel voodoo (tradizione haitiana) e quelli contagiati da un virus incurabile, che li trasformano in creature assetate di sangue e carne umani.

Siamo nel campo dell’immaginazione e dell’ipotesi, eppure, alcuni biologi non si tirano indietro quando viene chiesto loro di trovare un’ipotetica spiegazione scientifica che possa giustificare la trasformazione in zombie, descritta da questi come “Conscious Deficit Hypoactivity Disorder” (CDHD), sindrome acquisita che porta le persone “infettate” a non avere più il controllo delle loro azioni. Come si legge su Focus:

“Se è vero che non esistono prove scientifiche dell’esistenza degli zombie umani, non è così nel regno animale: alcune ricerche nella foresta pluviale thailandese hanno mostrato come un fungo parassita, l’Ophiocordyceps unilateralis, infetti alcune formiche, alterando le loro reazioni ai feromoni: in questo modo condiziona il loro comportamento fino a portarle a raggiungere un microclima adatto allo sviluppo del fungo stesso. Una volta che il parassita esce dal corpo dell’insetto ne determina la morte. Osservando 16 formiche infette, i ricercatori, che hanno descritto i risultati del loro studio sulla rivista BMC Ecology, hanno notato come il comportamento delle formiche fosse sincronizzato a un segnale correlato (il sole o forse la temperatura o l’umidità). Proprio come gli zombie”.

Se davvero un domani la condizione zombie diventasse reale, come potremmo difenderci? Ecco una serie di consigli, forniti dal DailyMail.

1) Non cercare di combatterli. Non sentono il dolore. Sarebbe dunque una lotta tanto inutile, quanto impari tra un essere sensibile e uno insensibile. Se non si è in grado di ucciderli con un colpo secco in testa, l’unico fatale, meglio fuggire a gambe levate.

2)Rimanere in silenzio. Gli zombie hanno poca memoria e scarsa concentrazione, quindi una delle possibili vie di fuga è il nascondersi in loro presenza. Qualcosa di diverso potrebbe catturare la loro attenzione, permettendoci di restare al sicuro.

3)Distrarli. Ogni rumore o immagine potrebbe catturare la loro attenzione. Provare con i fuochi d’artificio, e una volta distratti, scappare più lontano possibile.

4)Correre sempre e comunque. Chi non è stato ancora contagiato ha la possibilità di muoversi in modo facile e veloce. Da questo punto di vista gli zombie sono in svantaggio.

5)Non cercare di capire i motivi per cui uno zombie è diventato tale. Evitare di fare domande. Non riescono a capire quello che viene detto loro, né possono parlare di nuovo. Il rischio è quello di farli arrabbiare ancora di più.

6)Tentare di imitarli. Confondersi tra loro camminando nella massa di altri zombie.


TAG: