Società

Bosch ritira alcune cucine a gas 2009-2011: “Potrebbero esplodere”

La Bosch Elettrodomestici

ROMA – La Bosch Elettrodomestici  parla, per un numero limitato di apparecchi, di “possibile rischio di esplosione legato alle cucine a gas da libera installazione prodotte tra il gennaio del 2009 e l’ottobre del 2011”. Come recita la nota della Bosch “offriamo a tutti i possessori degli apparecchi coinvolti la sostituzione gratuita a domicilio del connettore del gas ad opera di un tecnico autorizzato. La sostituzione risolve completamente il problema”. Questo il link al sito ufficiale con tutte le informazioni utili.

L’azienda tedesca ha comunicato in una nota che la campagna volontaria di sicurezza riguarda un numero limitato di cucine a gas.

Il comunicato della Bosch: “E’ coinvolto un numero limitato di apparecchi prodotti tra gennaio 2009 e ottobre 2011. La causa è legata al potenziale danneggiamento dei connettori del gas. In determinate circostanze, il gas può fuoriuscire in maniera incontrollata e, in casi estremamente rari, può verificarsi un rischio di esplosione. Offriamo a tutti i possessori degli apparecchi coinvolti la sostituzione gratuita a domicilio del connettore del gas ad opera di un tecnico autorizzato. La sostituzione risolve completamente il problema”.

E ancora: “La sostituzione viene effettuata a domicilio e risolve il problema in maniera definitiva. E’ gratuita e non richiede alcuna spesa aggiuntiva o altre attività da parte del cliente.
Siamo impegnati a garantire i più elevati standard di sicurezza, una eccellente qualità dei prodotti e l’affidabilità di tutti i nostri prodotti. Di conseguenza, stiamo conducendo questa azione di messa in sicurezza volontaria. Ci scusiamo per eventuali disagi causati e vi ringraziamo per la vostra comprensione e pazienza. Per qualsiasi problema durante la verifica del vostro elelttrodomestico o per qualsiasi altra richiesta, vi preghiamo di contattarci.”.

To Top