Società

Film a luci rosse, gli uomini che li guardano sono spesso soddisfatti delle relazioni

Film a luci rosse, i maschi che li guardano sono meno soddisfatti delle relazioni

Film a luci rosse, i maschi che li guardano sono meno soddisfatti delle relazioni

ROMA – I maschi che guardano abitualmente il porno, sono spesso insoddisfatti delle loro relazioni. E’ questo uno dei risultati della ricerca che ha preso in esame più di cinquantamila persone. Nello studio, pubblicato questo mese da ‘Human Communication Research’, i ricercatori della Indiana University e della University of Hawaii, hanno condotto una meta-analisi su cinquanta studi per capire meglio l’effetto del porno sulla soddisfazione generale di una persona.

“Guardare i porno ha qualche tipo di impatto rilevante sulla soddisfazione dei consumatori?”, si chiedono gli autori. “E se è così, questo impatto è negativo o positivo?”.

L’analisi recente ha incluso una serie di dati che hanno coinvolto più di cinquantamila persone provenienti da dieci paesi e ha affrontato “i domini interpersonali di soddisfazione sessuale e relazionale e i domini intrapersonali del corpo e dell’autocompiacimento”.

Mentre la visione del porno non è correlata alla soddisfazione intrapersonale di una persona, i ricercatori hanno constatato che è legata a una più bassa soddisfazione nelle relazioni. Questo, però, vale solo per gli uomini.

Recentemente PornHub, uno degli aggregatori di video hard più conosciuto, ha rivelato che le donne sono più inclini a guardarlo on-line sul proprio cellulare rispetto a quanto lo siano gli uomini. La ricerca mostra che l’80% delle donne che visitano il sito sceglie di utilizzare uno smartphone o tablet, rispetto al 69 per cento dei maschi.

Nel suo report annuale, PornHub ha scoperto che il 26% dei suoi visitatori sono donne. Anche se può sembrare un numero non molto alto, il portale sostiene che il livello di traffico femminile è sufficientemente alto da avere provocato una massiccia diminuzione delle visite a PornHub durante la ‘Women’s March’ nel gennaio 2017′.

 

Su scala globale, il Sudafrica è il Paese in cui il traffico è più alto con il 91%, seguito dagli Stati Uniti con l’89% e il Regno Unito e il Pakistan con l’86%.

To Top