Società

Migranti italiani più degli immigrati: prima volta storica

Migranti italiani più degli immigrati: prima volta storica

Migranti italiani più degli immigrati: prima volta storica

ROMA – Migranti italiani più degli immigrati: prima volta storica. Gli italiani all’estero nel 2014 sono aumentati più degli stranieri residenti in Italia (+155mila gli emigrati e +92mila gli immigrati), e il risultato è che il loro numero si è praticamente pareggiato: 5 milioni gli uni e gli altri, secondo stime del Dossier Statistico immigrazione di Idos, presentato oggi a Roma.

Nel 2014 gli stranieri intercettati dalle forze dell’ordine in condizione irregolare sono stati 30.906 e di questi il 50,9% (15.726) è stato effettivamente rimpatriato. E’ quanto emerge dal Dossier Statistico immigrazione di Idos presentato oggi.

L’anno scorso sono sbarcate in Italia oltre 170 mila persone, tra richiedenti asilo e migranti economici, ma diverse altre sono arrivate per ricongiungimento familiare o altri motivi attraverso i canali regolari. Le richieste di asilo sono state 64.625 nel 2014 (contro le 628 mila nell’Ue) e 30.535 nei primi sei mesi del 2015.

I migranti italiani più degli immigrati. Non è una buona notizia per più motivi: a parte segnalare l’incapacità del Paese di offrire opportunità lavorative, incide negativamente sulla demografia con relativo invecchiamento della popolazione, causa una perdita netta per l’Italia che ha formato uomini e donne che restituiranno quanto appreso in termini di competenza in un altro Paese (uno su tre diplomato, uno su 4 laureato).

Tino Oldani di Italia Oggi fa il punto sul carattere della nuova emigrazione, non più riservata agli uomini, non più circoscritta alle zone più depresse del Meridione e a una popolazione in viaggio con la valigia di cartone.

Rispetto alle grandi migrazioni dall’Italia, avvenute prima della Seconda guerra mondiale e composte quasi esclusivamente da uomini, ora si registra quasi un equilibrio tra i sessi: il 56% dei migranti sono maschi, contro il 44% di femmine. Quanto alle fasce d’età, nel 2014 un terzo erano giovani tra 20 e 40 anni, mentre la maggioranza (52%) era over 40. E’ tuttavia preoccupante, segnala il Rapporto Idos, che i migranti tra 20-40 anni siano aumentati del 28,4% rispetto al 2013. Un’impennata dovuta chiaramente al fatto che un numero crescente di giovani abbandonano l’Italia per l’impossibilità di trovare un lavoro.

A differenza del passato, i migranti non partono più soltanto dal Sud. Anzi, il gruppo più numeroso (18.425 persone) è partito dalla ricca Lombardia, distaccando regioni dal passato migratorio come la Sicilia (8.765) e il Veneto (8.720). In forte crescita anche il flusso migratorio dal Lazio (7.981 unità), dove finora erano pochi quelli che partivano per trovare un impiego all’estero. (Tino Oldani, Italia Oggi)

To Top