Blitz quotidiano
powered by aruba

Riccardo III non uccise Edoardo e Riccardo? Il teschio dirà…

LONDRA – Il teschio di Riccardo III potrebbe dimostrare che non uccise i due principini, Edoardo e Riccardo, rinchiusi nella Torre di Londra. E’ uno dei racconti più drammatici e controversi della storia britannica, in cui i giovani principi furono assassinati dal loro vile zio, così che potesse salire al trono.

Ora, il massimo storico sull’argomento, ha scoperto le prove che – sostiene – fanno saltare alcune convinzioni sulla leggenda dei principi rinchiusi nella Torre ma che ha sferrato un duro colpo, per generazioni, alla figura di Riccardo III.

John Ashdown-Hill, che ha ricevuto un MBE per il lavoro che ha contribuito, nel 2012, a localizzare il corpo di Riccardo III sotto un parcheggio di Leicester, afferma che i test eseguiti sui resti di quelli si riteneva fossero i principi – noti come “ossa nell’urna”” – mostrano che è improbabile avessero un legame genetico col re Plantageneto.

In una nuova edizione del suo libro “Eleanor, The Secret Queen: the woman put Ric III on the Throne”, scrive che uno studio dentale, scoperto nella Torre di Londra nel 1674, mette in evidenza l’ipodonzia, ossia la mancanza congenita di una parte dei denti.

Al contrario, una radiografia del cranio di Riccardo III ha rivelato che non aveva questa anomalia genetica ed è improbabile, dunque, che fossero imparentati.

Ashdown-Hill, docente presso la Essex University, ha detto: “E’ mia convinzione che le ossa riesumate nella Torre di Londra e a lungo creduto appartenessero a Edoardo e Riccardo, nipoti di Riccardo III, è più probabile siano resti Anglo Sassoni”.

“Le ossa non hanno alcun rapporto di parentela con il re. E se fosse così, si risolverebbe definitivamente la secolare convinzione che avesse ucciso i suoi nipoti. E’ eccitante sapere che trovando i resti Ric si potrebbe risolvere uno dei più intriganti misteri della storia”.

Ashdown-Hill chiede che le ossa siano riesumate da Westminster Abbey, e sottoposte al test del DNA, per svelare definitivamente se si tratta dei resti dei due giovani fratelli.

Riccardo III, l’ultimo dei sovrani Plantageneti, morì nella battaglia di Bosworth Field nell’agosto 1485, dopo essere stato sconfitto da Enrico Tudor nella Guerra delle Rose.

Prima di essere sepolto in una fossa comune, senza onori funebri, a Greyfriars, ora sito del parcheggio comunale, il corpo fu fatto sfilare per le strade di Leicester.

Anche se un’importante figura storica, Riccardo III è ricordato soprattutto per le accuse di aver assassinato Edoardo, 12 anni, e Riccardo, nove. I ragazzi erano i figli di Edoardo IV, e il giovane Edoardo era destinato a succedere al padre.

Riccardo III – allora Duca di Gloucester – li aveva sistemati nella Torre, sostenendo che era in preparazione l’incoronazione.

Invece, rivendicò il trono per sé, e i due principi non furono più visti.

Nel corso dei secoli, gli storici hanno creduto li avesse uccisi per garantirsi definitivamente il trono.

La Chiesa d’Inghilterra ha ripetutamente rifiutato di autorizzare le prove forensi sulle “ossa nell’urna” per timore che potrebbero comportare più riesumazioni reali.

Ashdown-Hill ha detto:”So che la regina è molto riluttante a riesumare i reali e capisco i suoi sentimenti. Ma credo che dovremmo fare un’eccezione e risolvere l’enigma”.