Sport

Atalanta – Sassuolo streaming-diretta: dove vedere Serie A

BERGAMO – Atalanta – Sassuolo, streaming-diretta: dove vedere Serie A. Partita valida come anticipo del sabato della 22esima giornata del campionato italiano di calcio di Serie A, verrà trasmessa in diretta tv da Sky Sport e Mediaset Premium alle ore 18.00 ed in diretta streaming su pc, cellulari e tablet grazie alle applicazioni Sky Go e Premium Play.

Le formazioni ufficiali di Atalanta-Sassuolo.
Atalanta: Sportiello; Masiello, Rafael Toloi, Cherubin, Dramè; Cigarini, de Roon, Kurtic; Conti, Germàn Denis, Alejandro “Papu” Gomez.

Sassuolo: Consigli; Vrsaljko, Antei, Acerbi, Longhi; Biondini, Magnanelli, Duncan; Berardi, Falcinelli, Defrel.

“E’ la settimana più importante. Tra Sassuolo, Verona ed Empoli in casa ci giochiamo molto, voglio vedere dove siamo e quanti punti avremo ottenuto”. L’Atalanta non vince dal 6 dicembre (3-0 al Palermo) ed Edy Reja vuole spezzare il digiuno. Secondo il tecnico i presupposti ci sono. “Stiamo lavorando molto bene da una decina di giorni, c’è intensità e con l’Inter si è anche visto buon gioco. A Frosinone la partita non è stata bella ma visto l’ambiente, e chi c’era l’ha vissuto, abbiamo fatto il massimo”. Ora sotto con il Sassuolo: “Mi aspetto una gara aperta, come all’andata. Magari spettacolare, come successe a Reggio Emilia. Ma sarà dura: affrontiamo la rivelazione del campionato”. Sarà con ogni probabilità l’ultima apparizione di Denis in nerazzurro. L’argentino è vicino alla recessione e al rientro in patria. “German si è allenato benissimo, non so ancora se sarà o meno la sua ultima partita a Bergamo ma se così fosse spero che saluti tutti con una grande prestazione e magari con un paio di gol. E’ un giocatore importante, io guardo a quanto mi dimostra in allenamento e merita considerazione. Ha motivazioni forti, ci tiene molto e confido nelle sue qualità”.

San raffaele

Le preoccupazioni del tecnico semmai riguardano Gomez: “Aveva una botta al quadricipite che gli dava fastidio, dipende da come si sentirà. In ogni caso torneremo al 4-3-3”. Senza il numero 10 tra gli undici titolari, la Dea potrebbe schierare subito gli altri nuovi arrivi. “Gakpè si è sempre allenato, potrebbe anche giocare subito dall’inizio. Ci vuole per tutti un po’ di tempo ma sostanzialmente chi è arrivato sta bene sia dal punto di vista fisico che morale. Può giocare a destra come a sinistra. Anche Diamanti si sente bene, lo vedo che morde il freno e ha una voglia incredibile di giocare. Vedremo”.

Borriello, l’ultimo arrivato, andrà in panchina. Nella ripresa potrebbe esserci spazio anche per i due svizzeri Freuler e Djimsiti: “Sono ragazzi svegli, il calcio svizzero negli ultimi anni ha fatto grandi progressi. Serve un po’ di tempo per inserirsi ma credo che possano darci una mano molto importante”.

 

To Top