Atalanta

Atalanta, delirio tifosi all’aeroporto: fumogeni e cori VIDEO

Atalanta, delirio tifosi all'aeroporto: fumogeni e cori VIDEO

BERGAMO – Un’ora e mezza di attesa, fra striscioni significativi – “Mai sola”, “Adesso… Europa” – e cori a tono con l’occasione, visti l’avversario di turno e il suo rango: “Noi non siamo napoletani” e “Vinceremo il Tricolor”. Alla fine, con un’ora di ritardo sulla tabella di marcia, perché lo sbarco all’aeroporto di Orio al Serio era inizialmente previsto per le 22 e 30, l’Atalanta di Gasperini che respira aria di Europa League ma dopo la doppietta di Caldara al “San Paolo” è a soli tre punti dalla zona Champions ha conosciuto il suo trionfo.

I tifosi, datisi appuntamento a mezzo Facebook sulla solita pagina Sostieni la Curva, sono accorsi in quantità inattesa, almeno cinquemila persone, che hanno preso d’assalto i parcheggi del vicino centro commerciale e le pensiline di bus di linea e navette di fronte al padiglione degli arrivi. I giocatori, prelevati dal pullman sociale direttamente sulla pista, hanno fatto passerella tra fumogeni e fuochi d’artificio.

Tutti, dal tecnico (acclamato a suon di “Gasperini portaci in Europa”) all’ultimo dei giocatori, si sono affacciati alla porta del mezzo per rivolgere un saluto alla folla. È la seconda volta in stagione, che la Bergamo del pallone tributa un simile onore ai suoi eroi dei fine settimana: in precedenza era successo il 27 novembre scorso, nel pieno centro cittadino, dopo il record di sei vittorie consecutive colto a Bologna. La situazione, tenuta sotto controllo da una camionetta dell’Esercito e da quella dei Vigili del Fuoco, è tornata alla normalità verso la mezzanotte senza alcun problema per i passeggeri dello scalo bergamasco.

To Top