Atalanta

Atalanta-Milan streaming e diretta tv, dove vederla (Serie A)

Atalanta-Milan streaming - diretta tv, dove vederla (Serie A)

Atalanta-Milan streaming – diretta tv, dove vederla (Serie A).
ANSA/MATTEO BAZZI

Atalanta-Milan IN DIRETTA TV, ORARIO, DOVE VEDERLA IN STREAMING, DOVE VEDERLA SU PC (CLICCARE QUI PER LA DIRETTA LIVE) – Atalanta-Milan (orario 20:45), partita valida per il campionato italiano di calcio di Serie A (classifica e calendario), verrà trasmessa in diretta tv su Sky Sport e Mediaset Premium e in diretta streaming su SkyGo e Premium Play. Queste due applicazioni sono riservate agli abbonati a Sky Sport e Mediaset Premium.

Atalanta-Milan, le formazioni ufficiali. Atalanta: Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Cristante, Freuler, Spinazzola; Kessie, Petagna, Gomez.

Milan: Donnarumma; Gomez, Zapata, Romagnoli; Kucka, Suso, Montolivo, Pasalic, De Sciglio, Deulofeu, Lapadula.

Squalificati: Ocampos, Paletta. Diffidati: Kucka, Suso, Vangioni. Indisponibili: Abate, Bonaventura, Antonelli. Arbitro: Rocchi di Firenze Quote Snai: 2,05; 3,50; 3,60.

Tre punti per la certezza matematica del quinto posto e dell’ammissione all’Europa League saltando i preliminari.

L’anticipo serale di sabato dell’Atalanta contro il Milan può essere il coronamento di una stagione straordinaria, riducendo a formalità gli impegni residui con Empoli e Chievo nella settimana che ha gettato le basi del futuro: mercoledì l’aggiudicazione del bando per lo stadio, il terzo di proprietà in Italia dopo quelli di Juventus e Sassuolo, giovedì l’ufficializzazione del prolungamento del rapporto con Gian Piero Gasperini, l’uomo della linea verde gratificata dalle plusvalenze Gagliardini-Caldara e dell’ormai prossimo ritorno in Europa a ventisei anni dal quarto di finale Uefa con l’Inter.

Blindato fino al 2020 con l’opzione per l’anno successivo, l’allenatore, forte del consenso della piazza e del presidente Antonio Percassi, continua nella strategia del silenzio prepartita.

Come sette giorni fa prima della partenza per Udine, anche se all’origine di tale scelta pesa l’incidente del 14 aprile scorso prima del big match in casa della Roma: conferenza stampa saltata, coi giornalisti già seduti nella sala conferenze di Zingonia, per la presenza dell’inviato sgradito del principale quotidiano locale.

Gasperini in precedenza aveva ceduto l’incombenza di presentare la gara con la Samp al suo vice Tullio Gritti e quella con il Torino al duo Massimo Biffi-Mauro Fumagalli (preparatore dei portieri e collaboratore tecnico), ma allora (seconda e terza giornata di ritorno) era sotto squalifica.

È probabile che da qui a fine campionato l’interessato si limiti alle dichiarazioni di prammatica dopo il triplice fischio, perché dalla società piovono i no comment uniti alla considerazione che parlare prima degli impegni di campionato non costituisce obbligo contrattuale.

Sulla formazione da schierare contro i rossoneri, invece, niente segreti. Degli infortunati non recuperano Dramé e Zukanovic. Konko è l’inserimento last minute nella lista dei 25 convocati, mentre Hateboer ha preso parte in gruppo agli ultimi due allenamenti e e coprirà le spalle a Conti, al rientro dalla squalifica al pari di Freuler, con Spinazzola a mancina.

Lo svizzero sarà in mediana a fianco di Kessie, che aveva saltato l’Udinese e insieme a Gomez, confermato in coppia con Petagna, lavora in gruppo fin dalla secondo blocco di lavoro di martedì: Grassi e Cristante si riaccomodano in panchina.

Davanti a Berisha c’è il collaudato terzetto Toloi-Caldara-Masiello, mentre Kurtic giostrerà fra le linee, pronto a fungere da ala destra nel 3-4-3 a seconda delle situazioni di gioco.

To Top