Blitz quotidiano
powered by aruba

Bologna – Juventus 0-0, pagelle: Morata-Zaza deludenti

BOLOGNA – Bologna e Juventus 0-0. Pagelle e tabellino della partita.
Bologna (4-3-3): Mirante 6.5, Mbaye 6.5, Maietta 7, Gastaldello 6.5, Masina 6 (28′ st Constant sv), Taider 6 (36′ st Brienza sv), Diawara 6.5, Donsah 7, Rizzo 5,5 (20′ st Mounier 6), Destro 6, Giaccherini 6.5. (1 Da Costa, 32 Stojanovic, 3 Morleo, 2 Oikonomou, 11 Zuniga, 24 Ferrari, 33 Brighi, 5 Pulgar, 99 Floccari). All.: Donadoni 6.5.

Juventus (4-3-1-2): Buffon 6, Lichtsteiner 6, Barzagli 6, Bonucci 6, Evra 6, Sturaro 5.5, Marchisio 6, Pogba 5.5, Pereyra 5,5 (1′ st Cuadrado 5.5), Zaza 5 (23′ st Dybala 5.5), Morata 5. (25 Neto, 34 Rubinho, 24 Rugani, 18 Lemina, 20 Padoin, 11 Hernanes, 39 Favilli, 46 Romagna). All.: Allegri 6.

Arbitro: Irrati di Pistoia 6. Angoli: 7-1 per la Juventus. Recupero: 0 e 3′. Ammoniti: Gastaldello, Sturaro, Marchisio e Diawara per gioco scorretto.

Spettatori: 29.463 (di cui 12.734 abbonati) per un incasso di 820.484 (di cui 184.882 rateo abbonati).

“Purtroppo Bologna rappresenta sempre un ingresso infelice: quando si entra con il pullman ci sono sempre centinaia di tifosi”. Ai microfoni di Mediaset Premium il direttore generale della Juventus Giuseppe Marotta ha deplorato quanto accaduto prima dell’inizio del match fuori dallo stadio. “C’è stato questo lancio di una bomba carta o un petardo: non è un atto di civiltà, è un atto di teppismo e di violenza che nulla ha a che vedere con i valori veri di questa partita”. Corsa a due tra noi e il Napoli? “La partita con il Napoli non sarà determinate per la vittoria, lo era per il prestigio: ci sono ancora tanti match – aggiunge Marotta – e magari si cade contro squadre che all’apparenza non rappresentano un ostacolo difficile. Certo, noi siamo la Juventus e dobbiamo onorare il primo posto, i nostri giocatori sanno che rappresentano una società che vuole vincere”. Marotta poi ha parlato delle continue voci di mercato su Pogba.

“Le sue frasi non ci preoccupano: è stata una risposta intelligente a una domanda scontata. Ha apprezzato il fatto di essere con noi e allo stesso tempo ha parlato bene di un allenatore, Guardiola, che negli ultimi 10 anni è stato sicuramente tra i migliori in circolazione. Pep alla Juventus visto che Paul ci tiene a essere allenato da lui? E’ difficile dare una risposta, non so quale sarà lo scenario della Juventus tra 5, 6 o 7 anni. Questo per noi è un momento felice, con la struttura societaria creata da Agnelli: dopo Conte è arrivare un altro allenatore vincente e speriamo di continuare con questa struttura”.

Immagine 1 di 4
  • Bologna,  Destro nella  foto AnsaBologna, Destro nella foto Ansa
  • Bologna, Destro nella foto Ansa
  • Bologna, Donadoni foto Ansa
  • Bologna, Donadoni nella foto Ansa
Immagine 1 di 4