Sport

Calcio, rassegna stampa 11 ottobre: verso il derby di Milano

rassegna-stampa-calcio

Calcio, rassegna stampa 11 ottobre: verso il derby di Milano

ROMA – Tutte le principali news sul calcio sui giornali italiani di oggi, mercoledì 11 ottobre.

Il derby di Milano è sempre più vicino e la Gazzetta dello Sport apre la sua prima pagina con un’intervista allo storico capitano dell’Inter, Javier Zanetti. “Mi aspetto ulteriori segnali di crescita, sotto ogni aspetto. Una vittoria darebbe – ha dichiarato il vicepresidente nerazzurro – ancora più fiducia a un gruppo che si sta dimostrando solido e pienamente coinvolto nel nuovo progetto tecnico”. Parlando di Icardi, lo paragona a Crespo per l’abilità di segnare dai 16 metri e sul Milan spiega che sarà una sfida importante per la corsa alla Champions. “Giocare il Derby a San Siro, con 80.000 persone sugli spalti, è un qualcosa di unico al mondo. Io e Maldini, da capitani,- conclude- abbiamo vissuto match storici, fantastici, pieni di campioni”.

Sarà una sfida soprattutto fra allenatori quella tra Juventus e Lazio di domenica. Corriere dello Sport titola “Verso la sfida tra Allegri e Inzaghi: interpreti moderni della nostra scuola migliore”. I due tecnici hanno portato i rispettivi club verso l’affermazione in campionato e in Europa. Massimiliano Allegri ha sempre detto che ciò che conta è vincere, anche a dispetto del bel gioco. La Juve però dovrà fare i conti con i nazionali, rientrati (stanchi o alcuni con piccoli infortuni) a Vinovo dopo le qualificazioni a Russia 2018. La Lazio è quarta in campionato e ha già vinto la Supercoppa italiana battendo i bianconeri.

Le partite di qualificazioni ai Mondiali tolgono energie ai giocatori, i quali rientrano nei club talvolta acciaccati o quantomeno stanchi. Tuttosport apre la sua prima pagina citando le preoccupazioni di Napoli e Juventus per i propri uomini. Gli azzurri ci tengono a mantenere il primo posto in classifica e i bianconeri sono in ansia per le condizioni di Manzukic (in forse per domenica) e Barzagli, che contro la Macedonia è uscito alla fine del primo tempo per un problema muscolare. Accanto a questa notizia, due commenti pro e contro le pause fra campionato e impegni con le nazionali.

Con un Napoli primo in classifica oltre ai club, anche le nazionali cercano di acciuffare i giocatori. Uno di questi è Jorginho, che come riporta Corriere dello Sport, avrebbe ricevuto apprezzamenti dal Brasile. Il centrocampista è nato in Brasile, ma dal 2012 ha la cittadinanza italiana. Con la Nazionale azzurra è sceso in campo due volte, entrambe nel 2016 sotto la gestione di Antonio Conte. In quest’ultimo anno Jorgihno ha registrato una forte crescita, ma Ventura non lo ha mai preso in considerazione. Con la chiamata del Brasile, il regista del Napoli potrebbe scartare definitivamente l’Italia.

Tornando al derby di Milano.

Anche in casa milanista si respira la tensione per il derby di domenica e la Gazzetta dello Sport pubblica le parole dell’allenatore, Vincenzo Montella. Come per i cugini interisti, anche per i rossoneri la Champions è l’obiettivo di questa stagione. Commenta poi la dichiarazione dell’ex presidente del Milan, Silvio Berlusconi secondo cui la sua nomina sarebbe stata quasi imposta. “Berlusconi può dire tutto ciò che vuole, ne ha il diritto – dice Montella -. Le dichiarazioni che sono uscite però vanno contestualizzate, ma da parte mia ci sarà sempre massimo ascolto. Ma il mestiere è il mio e le scelte devono essere autonome. Mi piace ascoltare e elaborare i consigli, quelli di Berlusconi dello scorso anno non mi piacevano molto mentre altri li faccio miei e li utilizzo”.

Grecia, Svezia e le due Irlanda. Queste sono le rivali dell’Italia nelle qualificazioni a Russia 2018 di cui Tuttosport dedica un articolo. Martedì ci sarà il sorteggio fra le squadre di prima (guidata dagli azzurri) e seconda fascia. Nelle partite giocate ieri hanno vinto Argentina, Francia e Portogallo con le rinascite di Leo Messi e Cristiano Ronaldo.

Si fa sempre più concreta l’ipotesi di Valerio Verre titolare contro l’Atalanta. Il Secolo XIX riporta che il centrocampista doriano starebbe risalendo nelle preferenze dell’allenatore, Marco Giampaolo e quindi utilizzarlo di più delle partite contro il Milan e Verona. “Se il mister ha bisogno, sono pronto: mi alleno da mesi per farmi trovare pronto quando capiterà una chance…”. CLICCA QUI PER LA RASSEGNA DEL GIORNO PRECEDENTE.

To Top