Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomecato Inter, ultim’ora: Roberto Mancini, la notizia clamorosa

CALCIOMERCATO INTER, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Inter: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni.

CALCIOMERCATO INTER, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Inter: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni. Roberto Mancini preso potrebbe lasciare l’Inter. La notizia, clamorosa, è riportata dalla Gazzetta dello Sport. Gazzetta che cita le parole di Mancini rilasciate ieri, giovedì 14 luglio, dopo la partita persa col CSKA.”Non c’è alcun disagio, mi sono visto con Bolingbroke, ma non abbiamo parlato di mercato. Non so chi sia la figura di riferimento per il mercato interista. Lo è chi deciderà quali mosse fare” ha detto, intervistato da Premium, Roberto Mancini.

Stessi toni usati a Sky: “Yaya Touré è uno dei migliori centrocampisti al mondo. Uno come lui in Italia non l’ho mai visto. Chi lo giudica dopo quella semifinale di Champions con il City in cui non era nemmeno in forma, non capisce niente di calcio. Ma ormai – aggiunge più tardi con Sky con malcelato rimpianto – credo che non ci siano più speranze di vederlo con noi”. E poi: “Io c.t. dell’Inghilterra? Mi fa piacere l’accostamento: io sono qui”. nfine, un quinto concetto sull’amichevole di ieri, rilasciato a Inter Channel. Forse il meno importante visto il momento ma che comunque lascia il segno di quanto la squadra lo stia appassionando. “I ragazzi si potrebbero anche divertire di più in una partita così, ma a volte ci sono certi giocatori che danno l’impressione nemmeno di divertirsi e questo non va bene”.

Poi c’è l’intervista al Guerin sportivo. “Ho sempre detto che amo troppo l’Inter per poterla tradire. Non sarò mai un peso: come dissi a fine campionato, se qualcuno non mi vuole sono pronto a farmi da parte”. Così Roberto Mancini, in un’intervista al Guerin Sportivo realizzata qualche giorno fa e domani in edicola: “Non qualificarsi per la Champions League è stata una delusione grandissima, perché era il nostro obiettivo. Ma alla fine abbiamo dovuto accettare il verdetto. Evidentemente non eravamo ancora pronti. Eravamo in testa, tutti ci criticavano per gli 1-0; poi abbiamo avuto dei passaggi a vuoto e li abbiamo pagati. Capita, bisogna essere forti di testa. Sono stati tutti responsabili, compreso il sottoscritto”.