Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato Juventus, Isco-Gundogan. Zaza-Sampdoria?

ROMA – La Juventus, con in testa sempre Isco e Gundogan, potrebbe fare cassa con Zaza: sull’ex Sassuolo c’e’ da tempo l’interesse di diversi club della Premier, ma spunta nelle ultime ore l’ipotesi Sampdoria.

Ferrero lo avrebbe chiesto in prestito a Marotta, Montella potrebbe sacrificare Muriel, che piace alla Fiorentina e al Torino. Il Genoa, che domani abbraccera’ ufficialmente Suso, vorrebbe tentare il colpo Cerci: gli ottimi rapporti tra Galliani e Preziosi potrebbero facilitare l’affare, anche se Mihajlovic al suo posto vorrebbe Perotti.

Operazione a dir poco complicata: l’argentino finira’ quasi certamente alla corte di Garcia, alla Roma. Domani il Verona presenta ufficialmente Emanuelson, ex Milan, Roma e Atalanta.

Si lavora per il Verona, ma sullo sfondo è il Bayern che pulsa nei pensieri della Juventus. Come già ieri Sturaro, così oggi è stato Sami Khedira in un’intervista prima al quotidiano tedesco Die Welt, poi a Jtv ad ammettere di vedere l’ora che arrivi la sfida di Champions. Juve e Bayern in due partite si giocheranno tutto, o dentro o fuori.

“Sono partite dove c’è quel fascino da ‘tutto o niente’ – ha dichiarato il giocatore tedesco, che evidentemente conosce il Bayern più e meglio di molti compagni -. Abbiamo preso il peggior avversario possibile”.

Ma, come il Bayern, anche la Juventus “affronta la Champions per vincerla – ha sottolineato -. Non importa chi si incontra, devi battere tutti. Certo loro sono una delle migliori squadre del mondo, ma, dopo le difficoltà avute ad inizio stagione, ora stiamo bene anche noi. Personalmente non vedo l’ora di sfidare alcuni miei compagni di nazionale. Sicuramente saranno due grandi serate”.

Il tedesco, che vanta un passato nel Real Madrid, nell’ intervista a Die Welt ha detto di trovarsi bene a Torino.

“Come feci a Madrid, anche a Torino ho deciso di vivere in centro. Per conoscere meglio la città e la gente. Mi muovo tanto a piedi, Torino è davvero bella. Dopo aver trascorso cinque anni in Spagna, mi piace conoscere un’altra cultura”.

Il tedesco ha tenuto quindi a congratularsi col Bayern per aver preso Carlo Ancelotti: “A Madrid è stato meraviglioso lavorare con lui. E’ un professionista spaventosamente preparato sul piano tattico, e molto bravo nel rapporto con i giocatori: se c’è qualcosa che non gli sta bene o se deve lodare qualcuno lo dice chiaramente. Il Bayern ha scelto davvero un ottimo allenatore”.

Quanto al campionato, per Khedira la partita col Verona è tanto importante quanto difficile: “Ci siamo allenati dopo la pausa natalizia perché è la prima partita dopo la sosta. Siamo a tre punti dalla vetta, giochiamo in casa, dobbiamo vincere. Sono ottimista: se giochiamo come nelle ultime sette partite sono convinto che potremo arrivare in testa alla classifica”.

Col Verona, Khedira sarà certamente della partita. Con lui in campo anche Bonucci, che dopo l’ influenza oggi ha lavorato in palestra. La squadra si è regolarmente allenata in campo svolgendo una seduta soprattutto tattica. Barzagli dovrebbe recuperare per il 10 gennaio, così come Mandzukic. Per il Verona il 6 gennaio pronti a sostituti Rugani e Morata.