Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato Roma, Nainggolan: la notizia clamorosa

CALCIOMERCATO ROMA, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Roma: le ultimissime, le trattative, gli acquisti e le cessioni.

CALCIOMERCATO ROMA, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Roma: le ultimissime, le trattative, gli acquisti e le cessioni. Sicuramente resto alla Roma, anche senza Champions. E magari mi raggiunge anche Vermaelen: mi ha detto che avrebbe pensato alla proposta del club…”. Radja Nainggolan è ormai sempre più dentro al progetto giallorosso: in attesa di un rinnovo di contratto – con adeguamento dello stipendio – che firmerà dopo l’estate, il belga ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di stanotte a Montreal contro l’Impact: “Io ho scelto di restare a Roma, l’esito del preliminare non mi farà cambiare idea”.

Forse potrebbe raggiungerlo il difensore del Barcellona, suo amico e connazionale: “È un giocatore che ha già dimostrato tanto in carriera, uno che sta al Barça per forza ha fatto bene anche nelle stagioni precedenti. Ha avuto un po’ di problemi fisici, ma se devo dire chi mi ha impressionato durante l’Europeo penso a lui. Mi ha impressionato tanto quando ha giocato, perché anche se non è sceso sempre in campo ha fatto vedere che la sua forma era ottimale. L’ho sentito, gli ho chiesto se era disponibile a venire qui e lui mi ha detto che avrebbe preso in considerazione questa possibilità. Poi le scelte le fa lui, non io”.

Dipendesse da lui lo porterebbe a Trigoria e, dipendesse sempre da lui, scenderebbe in campo stanotte senza problemi, nonostante la partita di soli due giorni fa contro il Liverpool: “Io vorrei giocare, è normale, anche perché vorrei migliorare fisicamente, ma le scelte le fa Spalletti. Siamo tutti a disposizione, l’importante è dare il massimo nei minuti in cui siamo impiegati. Cosa migliorare? Contro i Reds siamo andati bene, anche se alcune cose sono da rivedere. Siamo in preparazione e stiamo lavorando bene, ma bisogna migliorare tutto per essere al massimo quando le partite inizieranno a contare. Personalmente credo che dovremo ancora lavorare fisicamente perché stiamo facendo un po’ di fatica, ma poi serve anche lavorare con la fatica nelle gambe”.

ccanto a Nainggolan, presente anche il tecnico della Roma: “Mi aspetto una squadra che comandi il gioco, e mi aspetto che i giocatori diano delle risposte”. Contro il Liverpool la squadra, nonostante abbia dimostrato qualche difficoltà in difesa, ha vinto e a Spalletti nel complesso è piaciuta: “Abbiamo fatto le scelte giuste quando ci si doveva alzare e abbassare come collettivo. Abbiamo concesso qualcosa ma la squadra è stata equilibrata”. Dopo l’amichevole, la Roma tornerà in Italia (sbarco a Fiumicino previsto il 5 mattina), giusto in tempo per conoscere l’avversaria del – fondamentale – preliminare di Champions.
CALCIOMERCATO ROMA, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Roma: le ultimissime, le trattative, gli acquisti e le cessioni.
James Pallotta, presidente della Roma, ha rilasciato un’intervista alla Nbc per la rubrica “ProSoccerTalk”, parlando del presente e del futuro alla guida della società capitolina. Ecco le sue parole:

Finalmente ha capito quanto può essere impegnativo essere il proprietario americano di una grande squadra europea. Ma pensava fosse così dura?
“Molto di più. Ed è ancora una sfida. Come puoi immaginare è uno sport differente rispetto a quello che viene fatto come partner dei Celtics o di qualsiasi altro sport negli Usa. Alla fine è gratificante, alcune cose le abbiamo fatte bene, altre meno, altre ancora le stiamo modificando. Alla fine, dall’esterno, molte persone possono pensare che stiamo facendo un buon lavoro ma io non ho molta pazienza. Io mi soffermo molto sugli errori e su quello che dobbiamo ancora fare piuttosto che sulle cose positive che sono state fatte. È il modo in cui ho gestito i fondi di investimento per 25 anni, possono esserci giorni in cui gli investimenti vanno alla grande ed uno in cui non vanno ed io mi rimprovero per quel singolo giorno.”

La Roma è una delle società che usa maggiormente la tecnologia per acquisire visibilità?
“Ci sono cinque o sei idee che dobbiamo sviluppare in termini di guadagno. A livello di social media e digital media siamo forse la squadra che è cresciuta di più, con la tecnologia stiamo facendo cose che nessuno aveva fatto prima. Siamo stati i primi a trasmettere in streaming su Facebook una partita, i nostri calciatori e lo staff usano molto Twitter, Facebook e Periscope. Stiamo facendo molte cose interessanti ma c’è ancora molto, dal merchandising allo stadio.”

Sei un patito delle statistiche, qualcosa che è molto caro alla tua famiglia, tuo figlio dirige una startup, la Tag, che può essere d’aiuto alla squadra in termini di analisi…
“Abbiamo investito in questa azienda ma la usiamo ogni tanto. Abbiamo costruito il nostro database analitico, sia a Roma che a Boston. Abbiamo raccolto dati importanti sui calciatori e sui metodi di allenamento. Abbiamo assunto diversi specialisti, non proprio dei data specialists, ma dei diplomati e dei professori da un paio di scuole.”

Lo scorso anno ha parlato della Serie A che deve prendere esempio dalla Premier League. In che cosa?
“In Premier c’è un campionato molto più simile a ciò che si vede negli Usa, hanno una lega che funziona come una lega. Sul fronte della tv, la Serie A va bene ma se si confronta con Premier e Liga possiamo capire che nei prossimi 10 anni la Serie A potrà crescere di dieci volte.”

Il vostro marketing è molto aggressivo, avete la fortuna di avere un logo e dei colori inconfondibili..
“Ti dico una cosa, ci sono degli studi che dicono che i colori della Roma sono i più riconoscibili nel mondo del calcio. La nostra maglia, disegnata con la Nike, è stata votata come una delle migliori 100. Ho fatto mettere il lupetto con Romolo e Remo e la gente è impazzita.”

Cam Neely è sempre stato considerato un giocatore di baseball duro ma dotato, cosa ti aspetti possa dare in termini di leadership nella dirigenza della Roma?
“Cam è un mio buon amico, è stato per tanto tempo presidente dei Boston Bruins, per questo porterà la sua esperienza da sportivo. Charlotte Beers ricalca perfettamente quello che noi intendiamo sul marketing e sul branding. Stanley Gold era alla Disney ed ha tantissima esperienza, John Galantic era da Chanel e ci aiuterà molto. Il board è stato creato con l’unico pensiero di aiutare la Roma.”

Quando ho parlato con Spalletti la scorsa settimana, mi parlava della necessità di vendere un giocatore da 100 milioni per prenderne due o tre di buon livello. Mi ha colpito che fino a qualche anno fa si parlava di 5 o 6 giocatori con quella cifra. Cosa pensi?
“Ci sono dei club che decidono di spendere molto. Nel caso della Juventus sembra che debbano cedere Pogba. È naturale. Non credo che la Juventus avrebbe speso così tanto per un attaccante se non avesse avuto Pogba. Molte squadre hanno fatto un ottimo lavoro nel creare un gruppo senza spendere stuipadmente i soldi. Abbiamo vinto lo scudetto Under 18, sono andato a vedere i ragazzi di 9-10 anni e sono rimasto impressionato dalle loro potenzialità. Giocano un calcio stile Barcellona ed il nostro intento è quello di far crescere internamente dei ragazzi di 16, 17 o 18 anni che possano giocare in prima squadra. Stiamo impegando tanto tempo a costuire un database e delle collaborazioni che possano farci scoprire talenti qui negli Usa ed in altri posti. Il nostro progetto giovanile si ispira a quello che hanno fatto il Siviglia e l’Atletico Madrid negli ultimi anni: l’Atletico è arrivato alle ultime due finali di Champions League ed il loro reddito è di 160-170 milioni.”

Sui giovani talenti della squadra?
“Nella rosa di questa stagione abbiamo Sadiq e Ponce che hanno 19 anni. Abbiamo Seck, un ventenne senegalese, che pensiamo sia incredibile. Abbiamo il diciottenne Nura che è infortunato ma che in 2 o 3 anni diventerà un grande calciatore. Abbiamo Federico Ricci di 22 anni che può diventare un buon attaccante. C’è Leandro Paredes che è tornato dal prestito ed ora combatte con Daniele De Rossi per una maglia da titolare. Gerson ha 19 anni e promette bene. “