Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato Roma, ultime notizie: obiettivo Zabaleta

ROMA – Pablo Zabaleta è pronto a dire sì alla Roma. Il difensore argentino che sta per lasciare il Manchester City è il primo obiettivo per la fascia destra e si fa preferire ad altri profili perché è in grado di ricoprire più ruoli. a Roma ha offerto al giocatore un triennale da tre milioni a stagione, bonus compresi. Il problema sono proprio i bonus.

Capitolo Milan Badelj. L’agente del nazionale croato, Dejan Joksimovic, ha fatto il punto della situazione a Rete Sport: “Per prima cosa, il giocatore ha altri due anni di contratto con la Fiorentina, quindi la prima domanda va fatta a loro. Ci sono almeno 3 o 4 squadre europee che lo stanno guardando, ma tutto dipende dalla Fiorentina. In questo momento la nostra idea, insieme alla Fiorentina, era quella di aspettare gli Europei. La Croazia è una squadra davvero molto buona, con diversi giocatori bravi. Milan in queste tre partite ha dimostrato di giocare bene in questa squadra. Ovviamente la Fiorentina non va a perdere soldi se intende cederlo”.

“Prima di andare all’Amburgo, Badelj aveva ricevuto un’offerta dal Fenerbahçe, squadra che giocava anche in Champions: gli avevano offerto 1,5 milioni di euro annui di ingaggio. L’Amburgo invece ne offriva 800mila euro. Gli ho detto di andare all’Amburgo perché la Bundesliga è un campionato decisamente migliore di quello turco, anche se con uno stipendio inferiore. Badelj è un signore in campo e fuori. È un giocatore che fa sacrifici per la sua squadra. Quando arriva una squadra che gioca la Champions League, che arriva seconda o terza e che gli offre un ingaggio doppio rispetto all’attuale, è difficile dire no per il giocatore. In questo momento dipende tutto dalla Fiorentina, e ora la Fiorentina non ha la possibilità di fargli firmare il contratto nuovo perché ci sono tante squadre interessate, non solo la Roma. Tutto dipende dalla Fiorentina: se non lo vende ora lo fa il prossimo anno. Aspettiamo, però credo che questo sia un buon momento sia per la Fiorentina che per Milan”.

“L’Italia è un paese che gli piace molto, tra l’altro è molto vicino alla Croazia. Da Firenze in 5 o 6 ore ci arriva in macchina, Roma poco di più. La Serie A è un grande campionato con grandi giocatori. Credo che non gli interessi giocare in un club con l’Atletico Madrid, anche se negli ultimi anni ha fatto bene. Ma non c’è tanta differenza con la Fiorentina. Credo che Milan voglia restare in Italia. La Roma è una squadra molto interessante, una grande squadra, con un allenatore tra i migliori in Italia in questo momento. Ad oggi non ho ancora parlato con la Roma o con altre squadre, aspettiamo la fine degli Europei. Ho rispetto per la Fiorentina. Credo che al 90% rimarrà in Italia. La Fiorentina in questo momento non è una grande squadra, non investono nel club. È una buona squadra, ma non penso che possa giocare presto in Champions League. Se resta alla Fiorentina? Dico 50 e 50. Ma credo che al 90% non firmeremo un nuovo contratto”.