Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato Sampdoria ultim’ora, Ferrero: “Balotelli e Paredes…”

CALCIOMERCATO SAMPDORIA, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Sampdoria: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni.

CALCIOMERCATO SAMPDORIA, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Sampdoria: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni. “Soriano va dove lo porta il cuore, è giusto che faccia la sua strada. Castan e Paredes? Soluzioni possibili. Cassano invece non farà parte del nostro progetto”. Massimo Ferrero è già pronto alla nuova stagione della sua Sampdoria. In gran forma come non lo si vedeva dai tempi del suo primo anno da patron blucerchiato, Ferrero ha dato spettacolo in tv a RaiSport e Sky. Tra mercato, bordate a Zenga e una battuta su Samuel Eto’o.

Dopo Montella, potrebbe lasciare anche Soriano. Castan e Paredes sono discorsi in ballo con la Roma, Balotelli un sogno. “Soriano va dove lo porta il cuore. A gennaio stava per andare all’Inter. Ci sono dei momenti in cui uno deve volare ed è giusto che faccia la sua strada. Castan? Possibile. Paredes? Pure. Cassano è un grande talento, ma credo che non farà più parte del progetto Sampdoria, la sua possibilità è finita. Balotelli? È nemico di Balotelli, come Cassano è nemico di Cassano. È un grande giocatore rimasto agli anni ’60, a Sapore di Mare. Potrebbe ripartire da una squadra passionale come la nostra, ma è un po’ confuso. Ho provato a dirgli di venire alla Samp, è un grande talento”. Esauriti i discorsi sul mercato, c’è spazio per una battuta su Zenga, reduce dall’esperienza agli Europei come commentatore per la Rai. “Mi sono fidato dei miei collaboratori, con Zenga hanno fatto tutto loro. Ora è in tv e mi sembra che quello sia il lavoro suo. Spero che la Rai gli faccia un bel contratto…”.

Infine, a chi ha definito fallimentare l’operazione che un anno e mezzo fa portò Samuel Eto’o a Genova, Ferrero ha risposto così: “Fallimento mi sembra una parola enorme. Io poi che ne so di Eto’o? Sono andato a Londra e l’ho scambiato per il cameriere di un albergo: ho visto ‘sto tipo di colore con il cappello…”.