Blitz quotidiano
powered by aruba

Carlo Pernat: “Nel 2017 Rossi e Lorenzo non saranno più…”

Intervistato dal Corriere dello Sport, Pernat spiega: "Nel 2017 non vedremo più Rossi e Lorenzo assieme. Non credo che Yamaha si lasci sfuggire Valentino (Lorenzo potrebbe trasferirsi in Ducati secondo il sito blogdimotori.it). Marquez era sicuramente nel mirino della Phillip Morris per Ducati perché era visto come l’erede di Rossi, e poi si presentava con la faccia sorridente e pulita del bravo ragazzo, ma dopo i fatti di Valencia secondo me si è giocato tutto".

ROMA – “Nel 2017 non vedremo più Rossi e Lorenzo insieme in Yamaha”. Carlo Pernat, ex manager di Valentino Rossi. Max Biaggi, Loris Capirossi, Marco Simoncelli e oggi di Andrea Iannnone non ha dubbi. Intervistato dal Corriere dello Sport, Pernat spiega: “Nel 2017 non vedremo più Rossi e Lorenzo assieme. Non credo che Yamaha si lasci sfuggire Valentino (Lorenzo potrebbe trasferirsi in Ducati secondo il sito blogdimotori.it). Marquez era sicuramente nel mirino della Phillip Morris per Ducati perché era visto come l’erede di Rossi, e poi si presentava con la faccia sorridente e pulita del bravo ragazzo, ma dopo i fatti di Valencia secondo me si è giocato tutto”.

“Credo che sarà un mondiale molto bello, ma duro – dice Pernat – Rossi non è uno che dimentica, ha un orgoglio smisurato e non credo che abbia digerito l’affronto di fine 2015. Correrà da cattivo, con grande determinazione. Vale ha corso la più bella stagione della sua vita, ma se analizziamo bene il suo campionato non è stato il più forte, semmai il più regolare. Marquez infatti è caduto tantissimo e Lorenzo all’inizio non era lui. Grazie a ciò Rossi ha accumulato un bel vantaggio di punti. Secondo me più di così non potrà fare”. E poi su Stoner: “Se mi chiedi però se tornerà a tempo pieno sono dubbioso: si è ritirato a fine 2012 e nel 2017 saranno passati quasi cinque anni. Bisognerà vedere cosa vorrà fare quest’anno -afferma Pernat. Sicuramente lo vedremo in un paio di wildcard, a Phillip Island magari, e lì ci farà vedere se il tempo lo ha rallentato o meno. E’ anche possibile che la Ducati, che saprà meglio di chiunque altro il suo stato di forma avendolo fatto provare, tenti di convincerlo al gran ritorno, ma non ci scommetterei”.


PER SAPERNE DI PIU'