Blitz quotidiano
powered by aruba

Charlton umiliato, calciatori rimborsano trasferta a tifosi

LONDRA, INGHILTERRA – Il Charlton ne prende 5: i giocatori rimborsano la trasferta ai tifosi
La scoppola rimediata in trasferta a Huddersfield avvicina la retrocessione. L’idea è del capitano storico Johnnie Jackson, alla squadra costerà circa 30 mila euro.
Ne parla La Gazzetta dello Sport in un articolo di Francesco Letizia.

Sette ore in treno, addirittura di più in auto, tra andata e ritorno. Quasi mille miglia percorse e un giorno di ferie al lavoro, sottratto alla famiglia o anche solo a un riposo più confortevole di una fredda serata del West Yorkshire. Per il manipolo di tifosi del Charlton che ieri ha seguito la squadra in trasferta ad Huddersfield, deve essere stato davvero difficile digerire il 5-0 che gli Addicks hanno rimediato sul terreno di gioco: nono risultato di fila senza vittorie, permanenza in Championship che si allontana sempre più, penultimo posto e Milton Keynes Dons (attualmente 21° e salvo) a 3 punti. L’orgoglio di tifare per una squadra di veri uomini però, almeno quello, resterà intatto.

In un post partita turbolento dove il contestatissimo manager a interim Karel Fraeye ha rifiutato di parlare alla stampa, ci ha pensato il capitano di sempre Johnnie Jackson a risolvere via social la questione: “So che le parole valgono poco, ma da parte dei giocatori, voglio chiedervi scusa. È stato vergognoso e voi meritate di meglio”, ha twittato il centrocampista. E già questo, visto quanto è amato Jackson, londinese di Camden, al Charlton dal 2010, probabilmente a qualcuno sarebbe bastato. Ma il numero 4, The Skipper, come viene soprannominato senza bisogno di spiegazioni, ha voluto fare di più: “Rimborseremo i tifosi che hanno sostenuto questa trasferta per supportarci. Mi occuperò di questo con il club e vi faranno sapere come ottenere il rimborso”.

Il Charlton, nobile squadra del borgo londinese di Greenwich, sta vivendo una stagione da incubo: pochi giorni fa l’eliminazione dalla FA Cup contro il Colchester (squadra di League One, la terza serie inglese), ma soprattutto la contestazione alla proprietà che fa capo al belga Roland Duchatelet, ex presidente dello Standard Liegi. Scelte sconsiderate, campagna acquisti al risparmio e poca attenzione verso i tifosi, le accuse mosse a Duchatelet: dare seguito all’iniziativa promessa da Jackson potrebbe quantomeno essere un tentativo di riappacificazione.

23 sterline, il prezzo del tagliando per il settore ospiti del John Smith’s Stadium, per 166 tifosi presenti, fanno già 3.818 sterline, al cambio odierno 5.095 euro: in più, il costo del viaggio, 105 sterline a testa secondo il sito della compagnia ferroviaria che garantisce i trasporti tra Londra e lo Yorkshire. 17.430 sterline, 23.218 euro, a cui sommare i 5.095 di sopra. Anche senza valutare pernottamento (almeno 38 sterline, secondo i vari motori di ricerca) e un classico fish&chips&beer da trasferta (15 sterline), a Jackson e compagni la sconfitta costerà 21.248 sterline, la bellezza di 28.315 euro circa… Anche dividendoli con una colletta tra tutti i compagni (i cui ingaggi sono ben lontani dai milioni della Premier League), forse alla prossima trasferta, sabato contro l’Hull City terzo in classifica, ci metteranno un po’ più di grinta.

Immagine 1 di 2
  • 12573034_1523977447900259_3789898306501550506_n
Immagine 1 di 2