Blitz quotidiano
powered by aruba

Conte al Chelsea, lunedì la firma. Con lui Zaza-Giaccherini?

ROMA – Antonio Conte è a un passo dalla firma con il Chelsea. Il ct azzurro, impegnato a Coverciano per preparare le amichevoli con Spagna e Germania, già lunedì potrebbe sottoscrivere il ricco contratto offerto dal magnate Roman Abramovich (4,8 milioni di sterline per tre anni, 6,6 milioni in euro): “Anche gli ultimi dettagli sono ormai a posto” è la velina che rimbalza da Londra a Torino citata dalla Gazzetta dello Sport.

Lunedì prossimo il Chelsea potrebbe uscire anche dalla FA Cup, ultimo inciampo di una stagione disastrosa cominciata da Mourinho che pure con gli stessi uomini l’anno scorso si è aggiudicato la Premier. La squadra, oggi affidata all’esperto Gus Hiddink, sembra aver esaurito il grande capitale di classe e muscoli con cui si era imposta.

Andranno via il capitano Terry e anche i brasiliani sono sul piede di partenza: a Willian (l’unico sempre all’altezza) sarà rinnovato il contratto per spuntare una ricca vendita, Oscar l’allenatore italiano proprio non lo vede, Diego Costa (spagnolo di passaporto) vuol tornare all’Atletico Madrid da Simeone (fino all’ultimo in ballottaggio con Conte per la nuova panchina). Discorso a parte per Hazard, l’anno scorso miglior giocatore nel campionato inglese, quest’anno desaparecido e fischiatissimo anche nell’ultima notte di Champions contro il Psg.

Il prossimo anno la massima competizione europea non ci sarà: Conte è visto come colui che rifonderà il Chelsea, un po’ come avvenuto con la Juve. Chi porterà con sé, magari pescando tra i suoi scudieri bianconeri? Tuttosport fornisce una lista interessante, che comprende anche il Cavani poco impiegato a Parigi e il sogno Pogba.

In entrata, oltre all’auspicato rientro di Juan Cuadrado e all’innesto di grossi calibri (è dura per gli juventini Paul Pogba e Leonardo Bonucci, più fattibili i romanisti Miralem Pjanic e Radja Nainggolan, compreso il “sempre meno parigino” Edinson Cavani), prendono quota due fedelissimi del selezionatore azzurro: Simone Zaza ed Emanuele Giaccherini, il cui cartellino è di proprietà del Sunderland. (Tuttosport)