Blitz quotidiano
powered by aruba

Euro 2016, allerta terrorismo: 007 per Italia a Montpellier

PARIGI – Montpellier attende gli azzurri ad Euro 2016. Gianluigi Buffon e compagni sbarcheranno mercoledì sera tardi, quando l’el Courtyard sarà stato ormai completamente “bonificato” dai funzionari della polizia di stato in trasferta nel sud della Francia. Per la nazionale e i tifosi italiani, comunque, il livello della minaccia è classificato “non sensibile”, dicono fonti della sicurezza francese all’ANSA.

Il team del ministero dell’Interno italiano incaricato di proteggere gli azzurri nel ritiro, così come previsto dalle regole della Francia Paese organizzatore, è composto da tre persone, un dirigente e due funzionari. Questi ultimi sono in sopralluogo a Montpellier da sabato, per verificare le condizioni di sicurezza. La Francia si occuperà dell’incolumità delle comitive delle 24 squadre durante i trasferimenti nelle città in cui si giocano le partite.

I funzionari delle polizie dei vari Paesi si muoveranno un giorno prima per arrivare e verificare le condizioni di sicurezza in loco (a Lione, Tolosa e Lille per quanto riguarda l’Italia). Il sistema sicurezza non dimentica poi la protezione dei tifosi. E’ prevista una sala di coordinamento internazionale a Lognes (banlieue est di Parigi), cui faranno riferimento due operatori italiani. Dalla sala viene smistato il flusso di informazioni sui movimenti dei tifosi e vengono trasmessi eventuali allarmi. I due operatori rimarranno in Francia fino al giorno dopo la partenza della nazionale.

Con Lognes interagisce anche il gruppo di “spotters” (osservatori) che ogni Stato ha inviato sul posto per tenere i contatti e parlare con i tifosi. Sono funzionari di polizia che vengono da reparti operativi nei contatti con i tifosi ospiti e si sposteranno alla vigilia delle partite nelle città in cui si gioca. L’Italia ha deciso di inviare sei “spotters”, alcuni saranno in divisa (per rassicurare nel caso di incidenti), altri in abiti civili in vista di contesti più difficili.

Un ufficio centrale a Parigi farà poi da collegamento fra tutte queste strutture e l’Ambasciata. La nostra sede diplomatica, su richiesta della Francia, terrà aperta una “sala di crisi” per le situazioni di emergenza, mentre la Farnesina gestirà l’informazione sul sito per tutti coloro che viaggeranno per seguire gli Europei. Per problematiche quali smarrimento di documenti, furti, denunce, restano operativi dei gruppi ad hoc nei vari consolati.

Terrorismo e hooligan, questi i pericoli dai quali un esercito di 90.000 poliziotti, gendarmi e funzionari francesi dovrà proteggere delegazioni e tifosi. Il livello della minaccia è “alto e costante” dice una fonte della sicurezza francese all’ANSA, ma non “imminente”, nel senso che non ci sono elementi per parlare di qualche rischio immediato.