Sport

Fabio Cannavaro a processo per dichiarazione fraudolenta: nel mirino società di noleggio barche

Fabio Cannavaro a processo per dichiarazione fraudolenta: nel mirino una società di noleggio barche

Fabio Cannavaro a processo per dichiarazione fraudolenta: nel mirino una società di noleggio barche

ROMA – L’indagine della Guardia di Finanza era scattata nel 2011, ora per Fabio Cannavaro arriva il processo. L’ex calciatore e capitano della nazionale italiana campione del Mondo è accusato di dichiarazione fraudolenta e il prossimo 24 ottobre dovrà comparire davanti ai giudici della undicesima sezione penale del Tribunale di Napoli.

Secondo l’accusa nel 2011 era stata creata una società, la FD Service, che gestiva tre imbarcazioni da noleggio: Massivus, Chriman Naples e Chriman II. In realtà, secondo quanto accertato, le imbarcazioni non sarebbero mai state noleggiate ma sempre usate dall’ex calciatore e dalla famiglie per fini personali. Affidandosi alla società, però, Cannavaro avrebbe evitato di pagare le tasse e le accise sul carburante.

L’ex calciatore si è sempre detto estraneo alla vicenda e, difeso dall’avvocato Luigi Petrillo, promette battaglia. Nel 2014 gli erano stati sequestrati conti correnti per novecentomila euro, ma stando a quanto emerso finora, Riesame e Cassazione hanno annullato il sequestro firmato dal gip, restituendogli ottocento mila euro.

To Top