Blitz quotidiano
powered by aruba

Formula 1: Gp Australia, griglia di partenza. Hamilton pole

MELBOURNE – Prima fila targata Mercedes nel primo Gran Premio di Formula 1 della stagione 2016 in Australia. Sul circuito dell’Albert Park di Melbourne, Lewis Hamilton conquista la pole position precedendo il compagno di squadra Nico Rosberg. Terza la Ferrari di Sebastian Vettel davanti all’altra Rossa di Kimi Raikkonen.

Tuttosport aggiunge che

la Ferrari,che ha optato per una strategia “conservativa” in vista della gara: sia Vettel (terzo) che Raikkonen (quarto) sono scesi dalla vettura a cinque minuti dalla fine, senza giocarsi la pole, evidentemente per preservare le gomme. Scelta ragionevole ma che ha tolto l’emozione dell’ultimo assalto alla pole: il nuovo format delle qualifiche sembra funzionare per Q1 e Q2, ma non ha prodotto gli effetti sperati nell’ultima manche. Da segnalare il quinto posto di Verstappen (a un secondo e mezzo da Hamilton), davvero notevole a bordo della Toro Rosso. Dietro di lui Massa, poi Sainz e Ricciardo.

E’ Valtteri Bottas l’escluso eccellente nella seconda manche delle qualifiche. Il pilota della Williams ha chiuso in undicesima posizione la sua prova; prima del finlandese erano già usciti Magnussen, Palmer (autore comunque di una buona sessione) e le McLaren di Button e Alonso. Fuori anche Hulkenberg e Perez, mentre davanti a tutti continua a volare Lewis Hamilton. Il campione del mondo ha volato in 1:24.605, seguito a circa due decimi di distanza da Rosberg. Vettel è salito in terza posizione con oltre sei decimi di distacco, sono più di sette quelli di Sainz, ancora una volta sorprendente in quarta posizione. La Toro Rosso si fa valere anche con Verstappen, settimo; prima dell’olandese troviamo Ricciardo e Raikkonen, l’ultimo a passare il turno è Massa, ottavo.

Si è chiusa la prima manche delle qualifiche di Formula 1 a Melbourne. Con il nuovo format, i piloti eliminati in Q1 sono sette: i primi a uscire di scena sono stati i due della Manor, Wherlein e Hayranto, poi sono andati out Gutierrez, Grosjean, a sorpresa Kvyat (problemi di strategia per la Red Bull) e in chiusura anche Nasr ed Ericsson, beffato nel finale da Palmer sulla Renault. In testa c’è sempre Lewis Hamiton a 1:25.351, Alonso spiazza tutti ed è secondo a poco più di un secondo di distanza. Terzo posto provvisorio per Hulkenberg, poi Raikkonen, Vettel è nono.