Blitz quotidiano
powered by aruba

Formula 1, il più grande pilota sempre non è Schumacher

LONDRA – Non Schumacher ma Fangio. Le liste che pretendono di svelare definitivamente la più grande star dello sport, rappresentano sempre il pomo della discordia, ciascuna ha la sua opinione su ciò che rende grande un atleta. Ma un nuovo studio afferma che il pilota più grande di tutti i tempi, non è Michael Schumacher il pilota di Formula 1.

Utilizzando l’analisi statistica per tenere conto dei miglioramenti della tecnologia automobilistica e le prestazioni della squadra, i ricercatori ritengono che il più grande pilota di tutti i tempi è in realtà Juan Manuel Fangio. Il dr. Andrew Bell dell’University of Sheffield’s Methods Institute, ritiene che Fangio è il competitor più completo di questo sport, sulla base del talento puro più che sulla tecnologia della vettura, scrive il Daily Mail.

Schumacher, quando guidava per Jordan, Benetton, Ferrari e Mercedes in Formula 1, aveva dietro di lui squadre vincenti di meccanici, ingegneri e tecnici. Secondo lo studio, l’effetto della squadra del conducente può rappresentare l’85 per cento delle prestazioni, con il campione in macchina verso quel finale 15 per cento per raggiungere la bandiera a scacchi.

Quando tutto questo viene preso in considerazione, Schumacher scende al nono posto, e Fangio entra in pole position. L’argentino Juan Manuel Fangio è stato a lungo considerato da alcuni come il più grande, il pilota gentleman tanto amato che nella sua carriera vinse 24 delle 51 gare, prendendo per l’ultima volta un posto sul podio nel 1957.

Lo studio ha scoperto che circa i due terzi degli effetti del team in Formula 1 è costante nel tempo, con la rimanente parte causata da team che cambiano di anno in anno. Tuttavia, mentre l’effetto del team di un pilota è aumentata nel corso del tempo, l’ abilità del conducente sui circuiti stradali è ancora il fattore vincente. Bell ha detto:

“Alla domanda “chi è il più grande pilota di F1 di tutti i tempi” è difficile rispondere, perché non sappiamo fino a che punto i conducenti ottengono buoni risultati grazie al loro talento o perché sono alla guida di una buona macchina. La domanda ha affascinato i fan per anni e sono sicuro che continuerà a farlo”.

Il modello statistico del team ha permesso di classificare i conducenti ed elaborare l’importanza della loro squadra. Prendendo in considerazione questo punto di vista diverso, alcuni campioni sono usciti dalla top 20, mentre sono spuntati altri relativamente sconosciuti.

Il tre volte campione di Formula 1, Niki Lauda, ​​per esempio, non è riuscito entrare nella top 100, mentre il brasiliano Christian Fittipaldi – in stato di grazia nello sport solo per paio di stagioni nel 1990 – è inserito nella top 20. Secondo Bell, le cose sarebbero state molto diverse se alcuni di questi piloti avessero avuto team diversi. Ha poi aggiunto:

“Un modello simile potrebbe essere utilizzato per rispondere a una serie di domande nella società. Per esempio, quanti individui, team e aziende influenzano la produttività dei lavoratori o quanto i ceti, le scuole e quartieri influenzano il livello di istruzione”.

Lo studio è pubblicato sul Journal of Quantitative Analysis in Sports.

Immagine 1 di 4
  • Formula 1, il più grande pilota sempre non è Schumacher
Immagine 1 di 4

PER SAPERNE DI PIU'