Blitz quotidiano
powered by aruba

Francesca Jones, tennista a Wimbledon con solo 4 dita FOTO

LONDRA – Si chiama Francesca Jones, ha 15 anni e sta giocando il torneo Juniores di Wimbledon. Nel singolare è uscita al secondo turno, nel doppio è ancora in gara. Ma Francisca non è una tennista come tutte le altre. E non c’entra il talento. La Jones, infatti, è nata con una malattia rara la EEC. Per questa malattia ha la mano destra, quella con cui impugna la racchetta, più piccola dell’altra. Soprattutto ha solo quattro dita a entrambe le mani e addirittura solo tre dita a uno dei due piedi.

Eppure Francesca Jones, nonostante questo, non si è arresa. E non ha mollato davanti a chi, sistematicamente, le sconsigliava di giocare a tennis. Una storia toccante la sua, come spiega Repubblica:

Ho avuto talmente tante persone che mi criticavano che hanno finito soltanto per motivarmi di più. Ora penso: ‘Guardami mentre ci riesco’. È necessario trovare il modo di usare i problemi a proprio vantaggio”, ha dichiarato la tennista. Da bambina, Francesca Jones è stata costretta a sottoporsi a numerose operazioni e non faceva che entrare e uscire dagli ospedali. Iniziò il tennis per caso e scoprì che aveva talento. Per questo, all’età di nove anni si è trasferita in un’accademia di tennis a Barcellona – la stessa dove ha studiato Andy Murray -, lontana centinaia di chilometri dai suoi genitori, una coppia di consulenti finanziari, rimasti a Bradford. Lì ha lavorato duro su se stessa. “Ci sono piccole cose che mi accadono abbastanza spesso, – ha raccontato – come rompermi un’unghia, perché stringo molto forte la racchetta. Anche la mancanza alle dita dei piedi mi causa qualche problema: una delle mie debolezze è l’equilibrio, dal momento che ho soltanto tre dita sul piede destro, che è il mio piede dominante. Da piccola non era facile, ma crescendo ho lavorato su questo aspetto ogni giorno”. L’occasione di giocare a Wimbledon era già arrivata in passato, ma le operazioni non le avevano consentito di partecipare. Quest’anno, quindi, per Francesca Jones si avvera un sogno: mostare di che pasta è fatta al più importante torneo di tennis al mondo