Blitz quotidiano
powered by aruba

Francesco Gavazzi choc su Mazzoleni: “Sparati uomo di m…”

Non è andato proprio giù al ciclista Francesco Gavazzi l’arbitraggio di Paolo Silvio Mazzoleni nel posticipo della 25esima giornata di Serie A di domenica sera tra Fiorentina ed Inter.

ROMA – Francesco Gavazzi choc su Mazzoleni: “Sparati uomo di m…”. Non è andato proprio giù al ciclista Francesco Gavazzi l’arbitraggio di Paolo Silvio Mazzoleni nel posticipo della 25esima giornata di Serie A di domenica sera tra Fiorentina ed Inter. Il ciclista valtellinese dell’Androni-Sidermec, vincitore di una tappa alla Vuelta e rappresentante della nazionale italiana ai campionati del mondo dal 2010 al 2011, è letteralmente uscito fuori di senno insultando con un tweet particolarmente offensivo il direttore di gara bergamasco, con tanto di foto del match che non lascia spazio ad ulteriori interpretazioni: “Ecco a voi l’imbarazzante uomo di merda che non dovrebbe arbitrare nemmeno in seconda categoria! Sparati in bocca!”.

Alberto De Logu per SportFace scrive;

 

La sfuriata, dovuta probabilmente alle espulsioni inflitte ad Alex Telles prima e Kondogbia al termine dell’incontro, è apparsa totalmente inappropriata e fuori luogo soprattutto considerando il personaggio in questione. Il ciclista ha prontamente cancellato il tweet e rivolto le proprie scuse a Mazzoleni oggi pomeriggio sempre tramite lo stesso mezzo di comunicazione. “Mi scuso per il tweet di ieri, ho sicuramente usato parole fuori luogo e offensive preso dalla foga del momento! Chiedo venia…“.

La partita è terminata 2-1 in favore della Fiorentina con goal di Marcelo Brozovic al 26esimo seguito dalla rimonta dei padroni di casa grazie alle reti tutte nel secondo tempo di Borja Valero imbeccato da Ilicic e Babacar negli ultimi sgoccioli di gara. Nel tabellino di gara figurano inoltre sette ammonizioni e tre espulsioni che sottolineano, semmai ce ne fosse bisogno, la difficoltà nella direzione dell’incontro. Mazzoleni non sarà stato probabilmente il migliore in campo, ma anche i giocatori non l’hanno di certo aiutato.