Blitz quotidiano
powered by aruba

Giampiero Ventura: Io in nazionale? A chi non piacerebbe…

ROMA – “A qualsiasi allenatore piacerebbe allenare la Nazionale. Sarebbe un motivo d’orgoglio”. Il tecnico del Torino, Giampiero Ventura, commenta così le indiscrezioni che lo vorrebbero sulla panchina azzurra per il dopo Antonio Conte, sempre più vicino al Chelsea. “Rido, perché ultimamente c’è una spinta violenta a farmi lasciare Torino…”, aggiunge Ventura a proposito delle critiche ricevute dai tifosi granata, che in occasione dell’ultima partita casalinga gli hanno dato il benservito con un eloquente striscione. “Io ho un contratto fino al 2018 e so che questo può portare allo sgomento migliaia di persone”, scherza ancora con i cronisti Giampiero Ventura.

“Il punto, però, è un altro: la partita di domani col Milan, importante per la prestazione e no tanto per il risultato. Abbiamo iniziato bene la stagione, eravamo sulla strada giusta, mentre adesso non stiamo giocando bene. dobbiamo tornare ad essere spensierati e ad osare». “Chi consiglierei a Conte? Nessuno, perché sa benissimo cosa fare”, dice ai giornalisti che gli chiedono se consiglierebbe al Ct qualche giovane granata. “Spesso è qui al Comunale – conclude Ventura -. Forse il più vicino alla convocazione è Benassi (sabato squalificato). Se non è oggi, sarà domani”.

 


PER SAPERNE DI PIU'