Blitz quotidiano
powered by aruba

Inter, Roberto Mancini attacca calciatori: “Che regali…”

MILANO – Inter, Mancini attacca i giocatori: “I gol li regaliamo e ne facciamo pochi”.
Il tecnico dopo il pari con l’Atalanta: “Certe partite si vincono con la qualità dei giocatori: le ultime 4 reti subite arrivano da errori nostri. Siamo i migliori nello sbagliare tanti passaggi”. Articolo dalla Gazzetta dello Sport.

“Non sono contento per la prestazione di qualche giocatore, devono fare un po’ di più”. L’analisi della partita di Roberto Mancini comincia con una strigliata alla squadra: più che il gioco nel suo complesso, al tecnico non è piaciuta la prova dei singoli. Ma non dice quali: “Queste partite si vincono con la qualità dei giocatori. a volte concediamo di più perché sbagliamo in uscita, ma davanti devono fare di più, bisogna fare gol. E gli ultimi 4 gol subiti sono stati nostri regali. Handanovic? Il portiere è lì per parare: ci sono sicuramente due-tre situazioni in cui è stato bravissimo. Bisogna avere anche un po’ di fortuna a volte, come accaduto in parte nell’occasione di Cigarini coprendo bene la porta”.

Nonostante tutto, Mancini non perde l’ottimismo: “Avremmo firmato per stare dove siamo, ma siccome siamo stati in testa per 14 giornate e questo significa che abbiamo dei valori, non dobbiamo sprecare punti così. Il campionato è lungo, possiamo tornare in testa. L’obiettivo è sempre stato la Champions”.

Mancini insiste soprattutto coi limiti offensivi: “Non siamo una squadra che segna tanti gol, per questo dico che certi giocatori devono iniziare a segnare di più. Magari facessimo altri otto o nove 1-0 ma non è semplice”. I problemi sono soprattutto nella fase di costruzione: “Noi siamo i migliori nello sbagliare tanti passaggi, tutte le azioni avversarie nascono da nostri errori. Dovremmo metterci a fare un po’ di muro e migliorare la tecnica di base”.

Immagine 1 di 4
  • Foto Francesca Soli - LaPresseFoto Francesca Soli - LaPresse
  • Foto Francesca Soli - LaPresse
  • Foto Francesca Soli - LaPresse
  • Foto LaPresse
Immagine 1 di 4