Inter

Calciomercato Inter ultim’ora: Roberto Mancini via, le ultimissime

Calciomercato Inter ultim'ora: Roberto Mancini via, le ultimissime

Calciomercato Inter ultim’ora: Roberto Mancini via, le ultimissime

MILANO – CALCIOMERCATO INTER, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Inter: le ultimissime, le trattative, gli acquisti e le cessioni. Roberto Mancini non è più l’allenatore dell’Inter: il contratto tra il tecnico di Jesi e la società nerazzurra è stato risolto. Al suo posto arriverà l’ex allenatore dell’Ajax Frank De Boer, a cui verrà proposto un triennale da 1,5 milioni a stagione.

CALCIOMERCATO INTER, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Inter: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni. De Boer nelle prossime ore sarà a Milano per mettere la firma sul contratto. Alla base del divorzio contrasti insanabili con la proprietà e in particolare con il presidente Erick Thohir, legati a visioni differenti del mercato e al rinnovo del contratto di Mancini. Nei giorni scorsi i vertici nerazzurri avrebbero quindi contattato De Boer, reduce dallo scudetto perso all’ultima giornata con l’Ajax, trovandone l’assoluta disponibilità. Mancini percepirà una buonuscita tra i 2 e i 2,5 milioni di euro. Finisce qui la sua seconda esperienza all’Inter dopo una stagione e mezzo: era subentrato a Mazzarri il 14 novembre 2014.

CALCIOMERCATO INTER, ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE. Calciomercato Inter: le ultime notizie, le trattative, gli acquisti e le cessioni. Luca Taidelli sulla Gazzetta dello Sport spiega ulteriori dettagli del divorzio:

San raffaele

Durante la settimana i cinesi avevano mandato al tecnico un segnale di grande apertura. Oltre al mercato di alto profilo e senza cessioni eccellenti, è arrivata la proposta di rinnovo. Un prolungamento di due anni, fino al 2019, a cifre congrue ma con una serie di postille legate alla Champions. Mancio però avrebbe chiesto una forte penale in caso di esonero anticipato e soprattutto non avrebbe accettato di non essere coinvolto sul mercato, come ritiene sia successo in questa estate surreale, in cui da centro di gravità nerazzurro è finito ai margini. Aveva chiesto Reus, Vermaelen e Touré, gli è stato risposto tre volte di no. Nelle ultime ore ci sarebbe stato anche un sondaggio con gli uomini più importanti dello spogliatoio che hanno scaricato Mancio spiegando che sia a Riscone sia negli Stati Uniti il lavoro atletico e tattico non era stato per nulla intenso.

To Top