Inter

Inter costretta a vendere, Perisic sul mercato per non sforare il fair play finanziario

Inter costretta a vendere, Perisic sul mercato per non sforare il fairplay finanziario

Inter costretta a vendere, Perisic sul mercato per non sforare il fairplay finanziario

ROMA – Inter costretta a vendere, Perisic sul mercato per non sforare il fair play finanziario. Una stagione che più disgraziata di così… L’Inter cinese ha iniziato male con l’addio anticipato di Roberto Mancini, finisce peggio non centrando nemmeno la qualificazione all’Europa di scorta. In mezzo i 63 milioni di euro spesi per un gol firmato dalla stella brasiliana presunta Gabi-gol. Ad aggravare la situazione il fair play finanziario imposto dall’Uefa.

Entro il 30 giugno deve ripianare 30 milioni di euro di deficit, situazione complicata dal rientro alla base di Ranocchia (retrocesso con l’Hull City) e Jovetic (troppo caro per le tasche del Siviglia), una ventina di milioni programmati e già sfumati. La soluzione è come sempre il mercato: ma deve essere rapida e soprattutto deve mettere in conto il sacrificio dei più appetibili. Primo fra tutti Perisic, anche se anche il bomber Icardi non è più l’intoccabile di prima.

Il direttore sportivo Piero Ausilio sta bruciando gli aeroporti tra Londra, Manchester, Parigi. Il Paris Saint Germain è in pole position, Mourinho già a marzo provò a convincere il giocatore impegnato con la sua Croazia a scegliere lo United. L’Inter valuta il giocatore più di 50 milioni. L’impressione è che l’asta eventuale si risolva intorno ai 40 milioni. Ma non c’è tempo da perdere: sforare il fair play significa perdere soldi (multe) e pass di accesso alle competizioni europee.

To Top